Passa ai contenuti principali

Democrazia della Morte - Prima lettera


“Democrazia della Morte” – Prima lettera 
incipit in anteprima di Giovanni Sicuranza 

Sono morto una sola volta e da allora non mi sono più ripreso. 
Questo è l’epitaffio che trovate sulla mia lapide; non male, vero? 
Ancora una settimana alla mia morte e potrete vederlo, bassorilievo tra le tombe del Cimitero di Lavrange, impronta di denti affondati nel marmo; eppure, credo, la lapide migliore sarà dedicata a Teodoro Iorio, il Maresciallo della Morte, l’eroe della Storia, della nostra arida demografia. Una stele alta mezzo metro, larga sei centimetri; una faccia rivolta al muro di cinta, come un condannato offerto al plotone di esecuzione, l’altra, quella che guarda verso le altre lapidi, su tutti noi defunti, con due linee che, sinuose, si avvicinano, si intersecano e si allontanano per poi ricominciare; sembra la storia stilizzata di un amplesso tra serpenti, ed è una similitudine che spero mai sfuggirà, in realtà è il simbolo del nostro DNA. Questa stele è già pronta da anni, in attesa del nostro compaesano Teodoro Iorio, e ogni sopravvissuto può vederla nella chiesa diroccata del Cimitero di Lavrange o sul sito internet del Comune. C’è anche una frase, sopra il DNA, ed è “Democrazia della Morte”.
***
Teodoro è cresciuto a Lavrange, mio compagno di giochi, mio allegro amico di sangue, prima di consegnarsi alla Storia come l’uomo fatale, l’ideatore del Decreto per la Razza Sana. Ha giocato con le vite degli altri, le ha sbattute sottoterra per rendere grande il nostro Paese. E’ stato il Ministro delle Pari Mortalità, nero e sfuggente come la prima notte senza luna. Lo sappiamo tutti, noi tutti che lo abbiamo acclamato, seguito, ma lui, il nostro eroe caduto, lui ormai ignora. Ora che è anziano, ora che è malato, come tutte le migliaia di disabili che ha spento per sempre, è ancora qui, a Lavrange, tra i nostri sopravvissuti. Non ricorda nulla, niente è rimasto nella memoria delle cicatrici che ha lasciato tra la gente, tra la sua gente. Ha un tumore all’encefalo così affamato da avergli portato via tutto, il senso del dovere, la coscienza, forse la pietà, se pietà ha mai conosciuto.
Toc toc, a proposito, sei presente, Teodoro? Il tuo cranio ha il suono di una pentola fessa.  
Allora, prima di ucciderti, scrivo della tua vita bastarda, perché almeno negli istanti della lettura tu possa ripercorrerti dentro. 
Tra le tante cose, amico caro, hai dimenticato la Morte.
Nell’amnesia compassionevole, l’hai cancellata. Solo per questo, credo, lei ha dimenticato te.
È tempo che vi incontriate, Teodoro Iorio, Maresciallo della Razza Sana, teologo e soldato del Nuovo Sterminio. E' tempo che sia io a presentarvi.




Commenti

Post popolari in questo blog

Donna mia

Donna miaGiovanni Sicuranza

A volte, quando il sole si sbriciola nel buio, io dimentico il suo nome.

Lei era la mia prima donna, l’ho conosciuta non so quanti anni prima di questo imbrunire.

Ecco, ora che ci penso ho lasciato indietro anche il suo viso. 
E l'unica cosa che ricordo è come rideva. 

Rideva come un cucciolo, insomma, non c’era traccia di raziocinio nel suo ridere e questo era lo splendido, tanto da avere la forza di una memoria eterna.

Lei è stata la prima che mi ha fatto pensare alla vecchiaia. 
L'amore è anche questo, no?, quando la guardi e pensi che sarete vecchi insieme e, anche se sei appena un ragazzo, all’improvviso invecchiare diventa una previsione concreta e bella.

La mia donna è morta durante questi sogni, 
è morta che rideva.

Eravamo in un locale ormai chiuso, a pranzo con amici, qualcuno le ha detto una frase idiota e lei ha iniziato a ridere, con tutta la carne di pollo pronta a entrarle nello stomaco e che invece si è fermata in gola e così è rimasta, a s…

Esempio di Relazione medico legale. La Valutazione Multidimensionale dell'Anziano

Tolti i riferimenti nel rispetto della riservatezza (vi piace di più "privacy"?), riporto una mia Relazione scritta in risposta al parere negativo del Consulente Medico d'Ufficio, incaricato da un Giudice del Tribunale del Lavoro di rispondere sulla sussistenza dei requisiti per l'indennità di accompagnamento. Non cominciate a sbadigliare, non è troppo tecnica, forse persino utile per comprendere anche aspetti di interesse sulle autonomia della personza anziana (e non solo).




Dott. Giovanni Sicuranza
Medico Chirurgo
Specialista in Medicina Legale
cell.: 338-…..
e-mail: giovanni_sicuranza@....




Controdeduzioni medico-legali


a Relazione di Consulenza Tecnica d’Ufficio


del Professore Libro de’ Libris


Causa:
Itala NEGATA / INPS


RGL n. …



Premessa.


Nella Relazione Medico Legale di Consulenza Tecnica d’Ufficio, redatta il 15.08.2009 in merito alla causa in epigrafe, il professore Libro de’ Libris, incaricato come CTU dal Giudice del Tribunale Ordinario di …, Sezione Lavoro e Previdenza…

Esempi di statue dei Cimiteri Monumentali. Il laicismo, il verismo. L'erotismo.

Dai Cimiteri Monumentali di Bologna, Milano, Genova; Parigi, Londra, Lwow (Ucraina); Viriginia (USA).



Come spiegato negli articoli (a cui si rinvia), il cimitero moderno, che vive la sua fase di crescita e apoteosi tra l'inizio del XIX secolo e la metà del XX secolo, dal punto di vista dell'arte è caratterizzato da statue impregnate di laicismo, verismo, erotismo (vd. ad esempio il monumento dedicato a Victor Noir - Père-Lachaise, Parigi - , con la zona del pene in bronzo lucido, nell'evidente erezione che le donne non disdegnano di accarezzare, quale simbolo di fertilità).


E' la celebrazione della nuova borghesia, nell'individualismo e nella ricerca dei particolari, oltre il messaggio religioso.