Spettabile Commissione


Spettabile Commissione - Giovanni Sicuranza

Mi chiedete perché ho deciso di fare domanda. 
Eh, non per il vostro sguardo, cioè, scusate se mi permetto, è che sono un po' teso, però, ecco, voglio essere sincero. Tanto, prima o poi verreste a saperlo. Dovete fare un'indagine sulla mia vita, su ogni persona a cui sono legato, vero? 
Beh, ne conosco un paio che sarebbero liete di raccontarvi l'episodio, eh, eh. Ehm, scusate, ma pensare a mia cugina Ofelia e a mia madre, mi spinge a vette di sarcasmo. Loro non credono che io sia capace, che io sia mai stato un capace. Loro.
Tranquilli, sapete che non sono invalido, altrimenti mica riuscirei ad arrivare fino a voi, giusto?, davanti ai Selezionatori della Spettabile Commissione per gli Accertamenti della Disabilità. Forse Ofelia e mia madre, quelle ve le segnalo, sono tarate nella testa, eh, eh. 
Sì, chiedo di nuovo scusa, ve l'ho detto, sono un po' nervoso. Del resto, per noi giovani medici entrare nella Spettabile Commissione mica è roba da niente. 
Allora, ecco, dicevo che ho fatto domanda, anzi, no, ho deciso di diventare medico, quando ho visto il Professore Centoquattro. 
Sì, sì, immaginavo che avreste spalancato gli occhi in un coro di sorpresa, ma è proprio così. 
Avevo sedici anni, ricordo, ero seduto sul tappeto colore rame dei miei genitori, ricordo. Il canale, invece, no che non lo ricordo. Uno dei primi in tridimensionale, avete presente, no? 
Me ne stavo lì, ciondolante sulle notizie del VeroGiornale, quando apparve lui. 
Insomma, anche i primi canali in tre di mica erano male, no? Cioè, avevo gli adattatori binoculari, cavolo, con quei ridicoli pruriti ai lobi, ma l'effetto era solo un po' meno profondo di adesso, credo. 
Sì, la faccio breve, tanto conosciamo le vicende del medico legale Centoquattro. 
Quando è stato, lo stesso giorno del suo arresto, sì, ecco, la sera, no? L'Ordine dei Medici del Nuovo Corso bruciò il suo tesserino di iscrizione in piazza. Un orgasmo collettivo in rogo-visione.
Centoquattro, però, ispirò la mia carriera, per cui, ecco, vedete che non vi nascondo niente, devo in parte a lui se sono qui. 
Aveva difeso i disabili, portando i loro casi anche in giudizio. Bestemmiava contro l'Ente Supremo, osava metterne in discussione le valutazioni. Sì, voleva dimostrare che molti invalidi erano giudicati in modo restrittivo. Certo, sono fatti noti, figuriamoci a voi, stimati Colleghi della Spettabile Commissione, però ripeterli mi serve per farvi capire. 
Centoquattro vinceva anche le Cause, non tutte, vero, ma anche quelle che perdeva, con le sue Osservazioni critiche per gli Appelli, erano un fastidio, mi correggo, un danno per la nostra società. 
Il programma di risparmio sulla spesa era già in vigore da anni, forse due, credo. Comunque, il punto è questo. Cioè, non lo arrestarono solo perché si ostinava a tutelare i disabili. Beh, un istante, permettete, so anch'io che l'accusa fu di "istigazione al deficit pubblico", conosco a memoria il comma 3, articolo 3 della Legge 2 del 2016, se no, credo, mica sarei qui. 
Però, ecco, mia madre, la pettegola, sì, eh eh; dicevo, lei lavorava in amministrazione, proprio dove Centoquattro aveva l'ambulatorio. Insomma, in quei Patro-cosa-nati, prima che fossero dichiarati illegali e smantellati tra il 2016 e il 2018. 
Mi raccontava di gente esasperata dalla crisi, che c'era chi pretendeva dallo Stato, esigeva soldi su diritti, che ci fossero o meno. E se Centoquattro verificava che non c'erano elementi medici per procedere e rifiutava il caso, o se il caso andava male, beh, era un casino, permettete il gioco di parole, perché a un certo punto iniziarono le segnalazioni. 
Le denunce anonime. 
La gente era esasperata e aveva bisogno di un capro espiatorio. 
Non succede così, sempre? 
Se vi interessa il mio parere, più che la Legge, furono i suoi stessi assistiti a fiaccare il morale del Professore Centoquattro. 
Per fortuna perorò tante di quelle cause, che, alla fine, Magistratura Rigogliosa riuscì ad arrestarlo. 
Sì, Spettabile Commissione, arrivo al punto. Era solo per farvi capire come quell'uomo mi spinse alla nobile professione medica, nonostante le nefandezze che aveva compiuto. 
Vi dicevo che me ne stavo lì, tranquillo, sul pavimento dei miei, cioè, sul tappeto, e, ah, sì, comparvero le immagini del suo arresto. 
La tridimensione del volto di Centoquattro si avvicinò al mio sguardo stupito. Ci guardammo negli occhi, davvero. 
Vidi un uomo perso, sconfitto. Un uomo che si era arreso alla Legge. Le rughe che cadevano ovunque, dalla fronte, dalle orbite, fino al mento, c'erano persino foglie morte nel suo guardo velato. 
Centoquattro ha avuto una fine sin troppo onorevole, nel Forno Assolutorio del ghetto della capitale, ma, insomma, credo sia noto a tutti che già quell'inquadratura era una sorta di suo ritratto post-mortem.   

In effetti, da allora, nessuno, nessun invalido finito nei ghetti ha mai pronunciato il suo nome, vero? Nemmeno durante gli anni bui della rivolta. 

Secondo me, era defunto nei ricordi addirittura prima di essere arrestato. E lo sapeva. 
Quel giorno vidi la tridimensione di un perdente, il nemico afflosciato della spesa pubblica. 
Per cui, eccomi qui, a ringraziarvi di avermi selezionato, Spettabile Commissione.
Sono pronto a servire lo Stato, a individuare ogni disabile, ogni peso della società. 
Sono pronto a ripulirli tutti nei ghetti.


Commenti

Post più popolari