Solo prima di dopo - Nostra Signora della Fossa


Solo prima di dopo - Nostra Signora della Fossa
Giovanni Sicuranza


Se io
[sospesi]
Se tu?
[pulviscoli di respiro] 
Se io non fossi qui, a morire, i nostri fiori, cosa ne sarebbe di loro
[deglutizione di coppia]
Oh, tesoro, basta adesso, taci, lasciami fare
[lei che piange, lui che si ascolta]
Ma, se io, se io e questo tumore non fossimo così pronti per
[tatto, lei lo stringe, lui la sfiora]
Basta, taci
[le dita di lei che salgono su di lui, quelle di lui che appassiscono, lente, sul letto]
Allora prendilo, questo mio bacio, abbraccialo fino a soffocarmi, e dopo
[un lamento, lungo, fragile, come petalo nel vento]
Sì, tesoro, dopo sarai ancora, cenere, concime per i nostri fiori, colore e profumo per me
[ombre lunghe entrano dalla veranda, a nascondere lui, a tagliare le lacrime di lei]
E' solo un tramonto, amore, solo un piccolo tramonto che muore prima dell'alba.


***

Nostra Signora della Fossa ha spento centinaia di noi, a Lavrange, ma dalla nostra morte ha creato migliaia di vite. Ragazzo, forse ora capisci perché nel nostro paese il cimitero è vuoto. Siamo tutti lì, nel giardino della Strega. Sei ancora convinto, vedo, così stupido da credere di trovare nella Casa il manoscritto di Sicuranza, come se non fosse bastato il primo, quell'obbrobrio di "Polvere di Silenzi", a mostrare l'ignoranza dell'autore su Nostra Signora della Fossa. Dimmi, hai mai letto delle aiuole che vivono? No, certo, non da quello scribacchino, e invece il giardino sarà il tuo primo incontro nella Casa. 
Il suo profumo, così intonato nella coralità di ogni fiore, da diventare un gospel alle ombre della luna. 
Vedi che non sai, ragazzo, non hai speranze di sopravvivere, te l'ho già detto. No, scordalo, non vengo con te, e togliti quel sorriso sghembo da dosso, mica ho paura, è che Nostra Signora della Fossa non mi ha ancora invitato. Ah, ci andrei volentieri, come hanno fatto mie figlie, ora la fertilità per l'aiuola dell'Alcea Rosa, e poi mio fratello, ti ho appena narrato la sua morte, l'innamorato con il tumore. 
Nostra Signora della Fossa ama così, donando solitudine. Prova a chiedere ad ognuno di noi, dei sopravvissuti di Lavrange, sappiamo di che tumore si tratta, altro che medici. 
E' il carcinoma del dolore, che penetra dentro, fino ad allontanare una cellula dall'altra, una ad una, un distacco assoluto. Così si spegne chi ama la Strega. Mio fratello ora è nutrimento per la Rosa Tea, la migliore Black Gold del mondo. 
Oh, non pensarci, ragazzo, credo di sapere già quale  fiore ti dedicherà Nostra Signora della Fossa. Sì, sorridi, continua a farlo, sorriderà anche lei, alla fine, dopo le lacrime. 
Nostra Signora della Fossa prende i vecchi e prende i giovani, ama gli uomini e ama le donne, ama e uccide e trasforma. Così intenso è il suo amore da uscire dai confini di Lavrange, fino ad ammaliare con mezzi di voi giovani. Sì, bravo, a parlarti di robe moderne, te la cavi; conosci la storia del sito di quell'autore che ha scritto di Nostra Signora della Fossa, proprio Sicuranza, ottimo, allora sai cos'è successo a chi si è iscritto alla sua pagina, ecco, sì, giusto, proprio sulla pagina di Facebook. Un gradimento enorme, è così che dite voi, vero? Migliaia di iscritti, ragazze, ragazzi, in prevalenza. Ecco, sai che gli iscritti a quella pagina calano, giorno dopo giorno, toc, toc, mi sembra di sentirli, la pagina di Sicuranza che si apre e loro che precipitano qui. Bene, ragazzo, non è quello che ti è successo? Non sei stato il primo, non sarai l'ultimo, come si dice nei film d'avventura. Attratto dalle storie su Lavrange e Nostra Signora della Fossa. Solo che Sicuranza non ne ha azzeccata una, ha trattato il cuore del nostro paese come un racconto gotico e, capisci, Nostra Signora della Fossa non gradisce essere banalizzata. 
Insomma, stiamo parlando di chi ha creato la morte e la vita nei secoli del nostro paese. 
Stiamo parlando della ragione del suo giardino. 
Ah, c'è anche un posto per voi, voi del turismo in salsa facebook. Vai a vederla, è un'aiuola grande, vicino a quella
dei Chrysanthemun, è il cibo eterno dei Plumbago Auriculata. Fiori intonati al colore di Facebook, ci pensi? La sensibilità della nostra Strega. 
Adesso vai, ragazzo, vai, e ricorda, Nostra Signora della Fossa è la migliore migliore morte che puoi trovare. 
Lei è la tua poesia per sempre.

Commenti

Post più popolari