Passa ai contenuti principali

La santella e il calamarium


La santella e il calamarium - Nostra Signora della Fossa
Giovanni Sicuranza

I

Nasco e muoio in Anno Domini 1631 sul ciglio del Lago Nero. 
Sono sopravvissuta per nove mesi.
Diciassette, contando quelli trascorsi nella simbiosi con mia madre.
Il mio primo pianto non si sente, sovrastato da quello dei lutti, in un paese annichilito dal morbo nero. 
I cadaveri vengono nascosti nel lago. 
Non c'è tempo per singole sepolture. Non c'è la forza di guardare i morsi di una morte nuova, devastatrice di corpi e speranze.
Quando i miei bubboni esplodono sangue e pus, il cervello è in rapida espansione. 
Il mio corpo infante è accatastato su quelli di mia madre, di mio padre. Sui resti dei miei fratelli. 
Nessuno capisce che la mia vita encefalica continua.
Nasco e muoio nel 1631, la mia tomba è il Lago Nero. 
Ma vivo ancora nella santella costruita sulla sponda, accanto al sentiero che da Lavrange porta sulla montagna. 
La santella è in memoria dell'epidemia di peste, è roccia fredda costruita dai superstiti per ingraziarsi divinità e spiriti dei morti. 
Solo che io sono sempre furiosa. 
Ho l'energia mentale di un'adolescente, prigioniera nella santella. 
Ho una voglie secolari di scatenarmi. 
A stento attendo. 
Ci sarà un viandante. 
Arriverà e si fermerà di fronte alla santella per un segno della croce. 
A pensarci mi prudono i denti. 








II

Devo scrivere, 
non devo vedere. 
Masticare le pagine con il dente del calamo, incidere ferite di parole. 
Veloce per non vedere. 
Ieri l'inverno è entrato nel nostro giaciglio. 
Pregavamo per tenerlo lontano, le famiglie sono nude al suo arrivo. 
Pregavamo alla santella del Lago Nero.
E ieri. 
No, scrivo, scrivo. Che almeno serva la mia arte. 
Mariano me lo ha detto, sei l'unico che sa fare di calamo, che tu sia testimonianza, che tu sia come Verbo del Signore, ha sussurrato. 
Non ricordo dov'è seppellito il pastore nostro, voce di Dio, però queste sono state le ultime parole. Dentro la mia fede.
Parlava piano, la gola gonfia di pustole nere.
Sono le ancelle del Signore, ci ha detto il prete. 
Scure di rabbia, giungono sulle gobbe bianche dell'inverno per punirci.
Non abbiamo capito di quale peccato, nemmeno il prete lo sapeva, ma deve essere enorme, perché tutti, intorno, sono caduti sul peso delle pustole.  
Anche mia moglie, ieri. L'inverno l'ha gelata nel dolore e nel sangue. Senza la benedizione del prete e ora temo per la sua anima. 
Così scrivo. Scrivo e scrivo. 
Non ti seppellisco, donna mia, scrivo. 
Padre Mariano ha detto che le mie parole sono testimonianza e io credo. 
Per questo ti salvo, qui, il tuo corpo gonfio sulle mie ginocchia. 
Immergo il calamo nel ventre tuo, gravido di morte e di questa figlia nostra innata, in voi due io scrivo.
Che siate Verbo, scrivo. Che voi siate Anime Redente.  


[immagine: art of Brooke Shaden]

Commenti

Post popolari in questo blog

Donna mia

Donna miaGiovanni Sicuranza

A volte, quando il sole si sbriciola nel buio, io dimentico il suo nome.

Lei era la mia prima donna, l’ho conosciuta non so quanti anni prima di questo imbrunire.

Ecco, ora che ci penso ho lasciato indietro anche il suo viso. 
E l'unica cosa che ricordo è come rideva. 

Rideva come un cucciolo, insomma, non c’era traccia di raziocinio nel suo ridere e questo era lo splendido, tanto da avere la forza di una memoria eterna.

Lei è stata la prima che mi ha fatto pensare alla vecchiaia. 
L'amore è anche questo, no?, quando la guardi e pensi che sarete vecchi insieme e, anche se sei appena un ragazzo, all’improvviso invecchiare diventa una previsione concreta e bella.

La mia donna è morta durante questi sogni, 
è morta che rideva.

Eravamo in un locale ormai chiuso, a pranzo con amici, qualcuno le ha detto una frase idiota e lei ha iniziato a ridere, con tutta la carne di pollo pronta a entrarle nello stomaco e che invece si è fermata in gola e così è rimasta, a s…

Esempio di Relazione medico legale. La Valutazione Multidimensionale dell'Anziano

Tolti i riferimenti nel rispetto della riservatezza (vi piace di più "privacy"?), riporto una mia Relazione scritta in risposta al parere negativo del Consulente Medico d'Ufficio, incaricato da un Giudice del Tribunale del Lavoro di rispondere sulla sussistenza dei requisiti per l'indennità di accompagnamento. Non cominciate a sbadigliare, non è troppo tecnica, forse persino utile per comprendere anche aspetti di interesse sulle autonomia della personza anziana (e non solo).




Dott. Giovanni Sicuranza
Medico Chirurgo
Specialista in Medicina Legale
cell.: 338-…..
e-mail: giovanni_sicuranza@....




Controdeduzioni medico-legali


a Relazione di Consulenza Tecnica d’Ufficio


del Professore Libro de’ Libris


Causa:
Itala NEGATA / INPS


RGL n. …



Premessa.


Nella Relazione Medico Legale di Consulenza Tecnica d’Ufficio, redatta il 15.08.2009 in merito alla causa in epigrafe, il professore Libro de’ Libris, incaricato come CTU dal Giudice del Tribunale Ordinario di …, Sezione Lavoro e Previdenza…

Esempi di statue dei Cimiteri Monumentali. Il laicismo, il verismo. L'erotismo.

Dai Cimiteri Monumentali di Bologna, Milano, Genova; Parigi, Londra, Lwow (Ucraina); Viriginia (USA).



Come spiegato negli articoli (a cui si rinvia), il cimitero moderno, che vive la sua fase di crescita e apoteosi tra l'inizio del XIX secolo e la metà del XX secolo, dal punto di vista dell'arte è caratterizzato da statue impregnate di laicismo, verismo, erotismo (vd. ad esempio il monumento dedicato a Victor Noir - Père-Lachaise, Parigi - , con la zona del pene in bronzo lucido, nell'evidente erezione che le donne non disdegnano di accarezzare, quale simbolo di fertilità).


E' la celebrazione della nuova borghesia, nell'individualismo e nella ricerca dei particolari, oltre il messaggio religioso.