Autoritratto


Autoritratto - Giovanni Sicuranza

Di sangue scuro, venoso, il mio vino è vecchio, antico, e riempie un cranio vuoto, sigillato nelle cavità che porterebbero vista, fiuto e parola. 
Osservo un grande evento della mia vita, lo sento evolversi dentro, è caotico, darwiniano, è casuale, cresce e mi riempie. 
Fuori di me, nella taverna, Ella Fitzgerald canta "In my dreams", lo fa con i fruscii di un dagherrotipo, e le mie mani, le noto, versano ancora un po' di Lombroso Nero nel teschio; un attimo, quello di un sorso, e il vino raggiunge anche le mie ossa, i pensieri barcollano, ma rimango concentrato sulla mia trasformazione. Mi vedo, tendo ad infinito, nel moltiplicarsi assetato delle mie nuove cellule tumorali.  

[immagine: autoritratto di Christian Hopkins]

Commenti

Post più popolari