Passa ai contenuti principali

Medusalemme




Mentre proseguo il percorso involutivo, mi imbatto in piacevoli prede come la scheda editoriale di Youcanprint su "Lungo il vento". Non si tratta di una recensione, eppure, chissà, qualche lettore potrebbe persino trovarla attinente alla propria percezione. 

Oceanomorfici saluti. 





***

Lungo il vento è un romanzo che percorre tre diversi momenti storici, uniti dalla stessa ambientazione: Magnanimo, un piccolo paesino il cui nome suona come un paradosso.  I primi anni quaranta vedono protagonisti un gruppo di partigiani guidati da Federico Celesti, che durante le ultime fasi della seconda guerra mondiale, lottano per la patria, lottano per resistere. È una lotta dura e cieca la loro, che a volte punisce anche chi non ha colpe. La seconda metà degli anni sessanta invece vede protagonista il carabiniere Pasquale Losaccio, arrivato da poco a Magnanimo, si trova subito bene in quel paese che gli ricorda il sud, il suo luogo natìo. Un paese in cui riecheggia il nome di “Celesti Federico, eroe della Resistenza, di cui parlano persino i libri di storia.” Sotto il comando del maresciallo Giacomo Guerrini, Pasquale si ritroverà a indagare su tre cadaveri carbonizzati nel giro di un mese, il tutto sotto l’incombente pericolo di un terremoto. Infine arrivano i giorni d’oggi e con loro una nuova protagonista, Valentina Laghi, giovane medico legale che dopo un incidente in moto è costretta alla sedia a rotelle. A Magnanimo Valentina cerca la serenità; ben presto si renderà conto che non la troverà, ma, in compenso, fuggendo dal suo passato, conoscerà un nuovo e inquietante lato di sé stessa.
Un intreccio di storie ben costruito, dalle vicende che coinvolgono i personaggi, alla realtà storica che li circonda. Una storia che cattura il lettore e lo accompagna dolcemente, come fa il vento con le foglie d’autunno, attraverso le stagioni della trama. Una scrittura veloce che procede per immagini e un sapiente equilibrio tra storia e fantasia fanno di questo libro un’opera di rara bellezza.       

Giovanni Sicuranza, classe 1967, vive nel bolognese, dove si occupa di Medicina Legale e, nei tempi molto morti, di Narrativa. Ha al suo attivo cinque romanzi, nonché la presenza in numerose antologie, anche di rilievo editoriale. Il suo sito facebook: “I romanzi di Giovanni Sicuranza”. 







Commenti

Post popolari in questo blog

Donna mia

Donna miaGiovanni Sicuranza

A volte, quando il sole si sbriciola nel buio, io dimentico il suo nome.

Lei era la mia prima donna, l’ho conosciuta non so quanti anni prima di questo imbrunire.

Ecco, ora che ci penso ho lasciato indietro anche il suo viso. 
E l'unica cosa che ricordo è come rideva. 

Rideva come un cucciolo, insomma, non c’era traccia di raziocinio nel suo ridere e questo era lo splendido, tanto da avere la forza di una memoria eterna.

Lei è stata la prima che mi ha fatto pensare alla vecchiaia. 
L'amore è anche questo, no?, quando la guardi e pensi che sarete vecchi insieme e, anche se sei appena un ragazzo, all’improvviso invecchiare diventa una previsione concreta e bella.

La mia donna è morta durante questi sogni, 
è morta che rideva.

Eravamo in un locale ormai chiuso, a pranzo con amici, qualcuno le ha detto una frase idiota e lei ha iniziato a ridere, con tutta la carne di pollo pronta a entrarle nello stomaco e che invece si è fermata in gola e così è rimasta, a s…

Esempio di Relazione medico legale. La Valutazione Multidimensionale dell'Anziano

Tolti i riferimenti nel rispetto della riservatezza (vi piace di più "privacy"?), riporto una mia Relazione scritta in risposta al parere negativo del Consulente Medico d'Ufficio, incaricato da un Giudice del Tribunale del Lavoro di rispondere sulla sussistenza dei requisiti per l'indennità di accompagnamento. Non cominciate a sbadigliare, non è troppo tecnica, forse persino utile per comprendere anche aspetti di interesse sulle autonomia della personza anziana (e non solo).




Dott. Giovanni Sicuranza
Medico Chirurgo
Specialista in Medicina Legale
cell.: 338-…..
e-mail: giovanni_sicuranza@....




Controdeduzioni medico-legali


a Relazione di Consulenza Tecnica d’Ufficio


del Professore Libro de’ Libris


Causa:
Itala NEGATA / INPS


RGL n. …



Premessa.


Nella Relazione Medico Legale di Consulenza Tecnica d’Ufficio, redatta il 15.08.2009 in merito alla causa in epigrafe, il professore Libro de’ Libris, incaricato come CTU dal Giudice del Tribunale Ordinario di …, Sezione Lavoro e Previdenza…

Esempi di statue dei Cimiteri Monumentali. Il laicismo, il verismo. L'erotismo.

Dai Cimiteri Monumentali di Bologna, Milano, Genova; Parigi, Londra, Lwow (Ucraina); Viriginia (USA).



Come spiegato negli articoli (a cui si rinvia), il cimitero moderno, che vive la sua fase di crescita e apoteosi tra l'inizio del XIX secolo e la metà del XX secolo, dal punto di vista dell'arte è caratterizzato da statue impregnate di laicismo, verismo, erotismo (vd. ad esempio il monumento dedicato a Victor Noir - Père-Lachaise, Parigi - , con la zona del pene in bronzo lucido, nell'evidente erezione che le donne non disdegnano di accarezzare, quale simbolo di fertilità).


E' la celebrazione della nuova borghesia, nell'individualismo e nella ricerca dei particolari, oltre il messaggio religioso.