Passa ai contenuti principali

Il mio Giorno della Memoria #2



Il mio Giorno della Memoria #2 - dal romanzo "La memoria di Tyrenes"
Giovanni Sicuranza

Anche noi di Tyrenes conosciamo la Storia, solo che nel 1941 la nostra memoria collettiva ha avuto una svolta dal resto del mondo. 
Nell'agosto del 1941 furono i nazisti a salvarci dallo sterminio. Fu l’esercito del Fedelmaresciallo Hans Vitriben a disarmare gli italiani invasori, furiosi nella sconfitta greca. Incapaci di arginare la resistenza, cercarono il sangue dei bambini, le urla delle donne, villaggio dopo villaggio, fuoco nel fuoco. Fino a quando persino ai nazisti quel catabolismo popolare non parve eccessivo e allora intimarono ai loro alleati di smettere e salvarono il mio paese.
A Tyrenes la Collina delle Mosche Bianche cela i corpi di coloro che decisero di rimanere con noi, per difenderci dalle ritorsioni dei fascisti. I nostri eroi con la svastica. Le nostre mosche bianche. 
Di solito viviamo ignorati, ma nel Giorno della Memoria, solo in questo giorno, l'armata di Vitriben diventa scomoda. Ora che il nostro popolo è in recessione economica, sotto gli occhi dei media, abbiamo deciso di disseppellire l’esercito nazista per portarlo a valle, sulla sponda del fiume Dares, torrente silenzioso tra i vigneti.
Le tombe sono state aperte, i resti esumati. Manutenzione cimiteriale, è stata la nostra menzogna al mondo. L’altra notizia, invece, abbiamo deciso di ometterla. 
Una bara era priva di resti. Sulla lapide, la mano dei nostri nonni aveva inciso “Bertrand Schäfer”. 

Nel Giorno della Memoria, Bertrand Schäfer aveva ricordato. 
Oggi vive a Tyrenes, in una casa popolare. Indossa sempre un cappotto d’ordinanza da SS e al tramonto sale sulla Collina delle Mosche Bianche, tra le case vuote dei suoi commilitoni. 
Non sappiamo se è chiuso nel dolore, se attende qualcuno o qualcosa. A dirla tutta, non sappiamo nemmeno se pensa. Non respira, Bertrand Schäfer, figurarsi se parla.
La comunità ebraica di Tyrenes dice che è ora di bruciarlo e forse ha ragione, non fosse altro per la puzza. Dice anche che Schäfer era il comandante di un campo di concentramento, che ha diretto l’esecuzione di cinquecento ebrei. I rom di Tyrenes sostengo che i cinquecento non erano ebrei, che nei campi di sterminio finirono anche i loro fratelli. Su un particolare sembrano concordare: nell’esercito di Vitriben, tra i nostri salvatori, Schäfer non doveva esserci. È morto in Polonia, giustiziato dagli Alleati. Eppure qualcuno lo ha sepolto qui, con gli altri. 
Eppure è l’unico sopravvissuto all’oblio. 
Di tutti loro, il Giorno della Memoria ha richiamato il peggiore. Credo ci sia qualcosa di sbagliato nel modo in cui celebriamo questa ricorrenza, se ha aperto il varco alla mosca nera e ci ha spinto a nascondere quelle bianche. 
[…]

Commenti

Post popolari in questo blog

Donna mia

Donna miaGiovanni Sicuranza

A volte, quando il sole si sbriciola nel buio, io dimentico il suo nome.

Lei era la mia prima donna, l’ho conosciuta non so quanti anni prima di questo imbrunire.

Ecco, ora che ci penso ho lasciato indietro anche il suo viso. 
E l'unica cosa che ricordo è come rideva. 

Rideva come un cucciolo, insomma, non c’era traccia di raziocinio nel suo ridere e questo era lo splendido, tanto da avere la forza di una memoria eterna.

Lei è stata la prima che mi ha fatto pensare alla vecchiaia. 
L'amore è anche questo, no?, quando la guardi e pensi che sarete vecchi insieme e, anche se sei appena un ragazzo, all’improvviso invecchiare diventa una previsione concreta e bella.

La mia donna è morta durante questi sogni, 
è morta che rideva.

Eravamo in un locale ormai chiuso, a pranzo con amici, qualcuno le ha detto una frase idiota e lei ha iniziato a ridere, con tutta la carne di pollo pronta a entrarle nello stomaco e che invece si è fermata in gola e così è rimasta, a s…

Esempio di Relazione medico legale. La Valutazione Multidimensionale dell'Anziano

Tolti i riferimenti nel rispetto della riservatezza (vi piace di più "privacy"?), riporto una mia Relazione scritta in risposta al parere negativo del Consulente Medico d'Ufficio, incaricato da un Giudice del Tribunale del Lavoro di rispondere sulla sussistenza dei requisiti per l'indennità di accompagnamento. Non cominciate a sbadigliare, non è troppo tecnica, forse persino utile per comprendere anche aspetti di interesse sulle autonomia della personza anziana (e non solo).




Dott. Giovanni Sicuranza
Medico Chirurgo
Specialista in Medicina Legale
cell.: 338-…..
e-mail: giovanni_sicuranza@....




Controdeduzioni medico-legali


a Relazione di Consulenza Tecnica d’Ufficio


del Professore Libro de’ Libris


Causa:
Itala NEGATA / INPS


RGL n. …



Premessa.


Nella Relazione Medico Legale di Consulenza Tecnica d’Ufficio, redatta il 15.08.2009 in merito alla causa in epigrafe, il professore Libro de’ Libris, incaricato come CTU dal Giudice del Tribunale Ordinario di …, Sezione Lavoro e Previdenza…

Esempi di statue dei Cimiteri Monumentali. Il laicismo, il verismo. L'erotismo.

Dai Cimiteri Monumentali di Bologna, Milano, Genova; Parigi, Londra, Lwow (Ucraina); Viriginia (USA).



Come spiegato negli articoli (a cui si rinvia), il cimitero moderno, che vive la sua fase di crescita e apoteosi tra l'inizio del XIX secolo e la metà del XX secolo, dal punto di vista dell'arte è caratterizzato da statue impregnate di laicismo, verismo, erotismo (vd. ad esempio il monumento dedicato a Victor Noir - Père-Lachaise, Parigi - , con la zona del pene in bronzo lucido, nell'evidente erezione che le donne non disdegnano di accarezzare, quale simbolo di fertilità).


E' la celebrazione della nuova borghesia, nell'individualismo e nella ricerca dei particolari, oltre il messaggio religioso.