Passa ai contenuti principali

Polvere di Silenzi - Onde


Polvere di Silenzi – Onde
Giovanni Sicuranza

C’è una lunga fila di pali bianchi sul molo.
I pescatori dicono che si scorgono a miglia di mare, ma è solo per dare importanza alla spiaggia di Sotto Sotto, piccolo singhiozzo di sassi rigurgitato dalla faglia dei Tremonti. Durante il giorno, esiste e non esiste, sui capricci della marea. Un faro non c’è mai stato, nonostante le petizioni dell’onorevole Cesare Restauro, che il Signore l’abbia in gloria, uomo tutto di un pezzo. E grazie ai silenzi dell’onorevole suo figlio, Massimo Restuaro, che il Signore gli insegni almeno a rispettare le cripte cimiteriali, invece di violarle strappandone tappezzerie.  
Massimo Restauro al momento è palo tra i pali.
Lungo e immobile sul molo, avvolto in un cappotto bianco, sembra scrutare l’orizzonte, dove gongolano figure piccole e scure di imbarcazioni da pesca.
Sa che la gente mormora a causa di questo strano trasloco. In effetti, visto dall’esterno, spostare la pregiata tappezzeria di famiglia dalla cripta cimiteriale alla stanza da letto, deve essere sembrato ai più quantomeno un gesto macabro.
“Me li riporto tutti a casa. Ho voglio di addormentarmi con i miei nonni e i miei genitori”, aveva balbettato alla vicina di casa, signora Maria Vegliata in Orecchio, vedova del Cavaliere Lorenzo Orecchio, suo compagno di banco durante il liceo.
Lei aveva socchiuso gli occhi e serrato le labbra, prima di rientrare a passi sdegnati nella propria villa.
La famiglia Orecchio e quella dei Restauro si detestavano da generazioni, da quando i rispettivi bisnonni paterni, finita la Grande Guerra, si erano visti assegnare lo stesso lotto di terra, quale riconoscimento al valore militare. Non era certo il primo caso, né sarebbe stato l’ultimo. Nel 1919 il Governo italiano zoppicava e aveva la pancia vuota, per cui, con qualche disinvoltura, aveva demandato al buon senso dei patrioti l’ulteriore suddivisione di lotti di terra dati in comune, giusto per risparmiare. E dove non bastava il buon senso, allora arrivava la Legge per sequestrare il terreno, che così tornava allo Stato.
L’Italia avanzava verso nubi nere e neri erano anche i rapporti tra gli Orecchio e i Restauro, costretti a dividere il piccolo lotto.
Compagni di liceo, camerati nella stessa trincea, vicini di casa. Il cane e il gatto hanno più possibilità di stimarsi. Basti sapere che per Italo Restauro, Ottone Orecchio era un bigotto, figlio del Papato, pronto a anteporre agli interessi della Chiesa quelli della Patria; per Ottone Orecchio Italo Restauro era un socialista ipocrita, pronto a osannare la proprietà comune, per poi scannare chiunque osasse rivendicare il diritto su un pezzo di terra.
Le generazioni crebbero così, costrette al vicinato, con due villette che gareggiavano in bell’apparenza di rococò, liberty e “la-mia-è-più-decorata-della-tua”.
Era dunque probabile che Vegliata in Orecchio avesse interpretato il trasferimento della preziosa tappezzeria dalla cripta alla villa dei Restauro, come un gesto di sfida. Un tentativo di ulteriore abbellimento a discapito di quella del vicino.
- Eh – mormora l’architetto Massimo Restauro al mare, le mani che affondano nelle tasche del cappotto – Se solo sapesse.
splash, lo sbeffeggia un’onda, più vicina delle altre.
Restauro è lesto e tirarsi indietro. La marea sta avanzando e tra pochi minuti la spiaggia di Sotto Sotto affogherà con tutta la serenità dell’uomo.
Nel lento ritorno all’auto, l’architetto pensa che l’unico modo per liberarsi dal ricatto di don Dino Manipulite, l’unico modo per uscire dal giro di narcotici e prostituzione in cui è stato incastrato, sarebbe pagare una bella somma.
Ottantamila, no, che cavolo, centomila euro, subito.
Si blocca a metà strada tra la spiaggia in agonia e il parcheggio delle auto circondato da salici, che nella penombra del tramonto sembra un antro nero.
Tanti saluti e dimentichiamo tutto, caro don Dino, dimentichiamoci soprattutto delle mie notti con Alessia, quel corrotto hijo de puta. E ‘fanculo anche a me, con la mia reputazione, farmi scoprire a letto con quel travestito.
L’architetto si morde un labbro, le mani che si serrano a pugno nel segreto delle tasche.
E dove trovarli centomila euro?
Ci vorrebbe un colpo di fortuna.
Un sorriso si infrange sulle labbra.
Come confidare nell’Assicurazione su cataclismi e incendi della sua villa.
Storpio, deviato di lato, il sorriso si allarga.
Un incendio che distrugga la casa in legno sarebbe l’ideale, sì sì.
Non solo gli fornirebbe il centomilleuro, ma probabilmente si estenderebbe anche alla villa degli Orecchio. Senza considerare che lo liberebbe da quella spocchiosa tappezzeria in cui sono raffigurati i suoi avi.
Massimo Restauro ha un sospiro lungo come le onde che avvinghiano la spiaggia e riprende i passi verso le ombre del parcheggio.
L’idea è bella, ma non avrebbe mai e poi mai il coraggio di spingersi a tanto. Anzi, gli sembra quasi di sentire la riprovazione di suo padre, che il Signore se lo fotta ab aeternum per la sua onesta vita. Se lo stimato Cesare Restauro avesse solo intuito questi pensieri, sarebbero state cinghiate e digiuno per una settimana.
Niente incendio per la villa. Niente soldi per spezzare il ricatto di don Dino.
L’architetto è una figura cupa quando raggiunge la berlina colore grigio topo, così china sui pensieri da non scorgere il fumo che soffoca la collina, proprio davanti a lui.
Dove Villa Restauro attende un destino.     

        

Commenti

Post popolari in questo blog

Donna mia

Donna miaGiovanni Sicuranza

A volte, quando il sole si sbriciola nel buio, io dimentico il suo nome.

Lei era la mia prima donna, l’ho conosciuta non so quanti anni prima di questo imbrunire.

Ecco, ora che ci penso ho lasciato indietro anche il suo viso. 
E l'unica cosa che ricordo è come rideva. 

Rideva come un cucciolo, insomma, non c’era traccia di raziocinio nel suo ridere e questo era lo splendido, tanto da avere la forza di una memoria eterna.

Lei è stata la prima che mi ha fatto pensare alla vecchiaia. 
L'amore è anche questo, no?, quando la guardi e pensi che sarete vecchi insieme e, anche se sei appena un ragazzo, all’improvviso invecchiare diventa una previsione concreta e bella.

La mia donna è morta durante questi sogni, 
è morta che rideva.

Eravamo in un locale ormai chiuso, a pranzo con amici, qualcuno le ha detto una frase idiota e lei ha iniziato a ridere, con tutta la carne di pollo pronta a entrarle nello stomaco e che invece si è fermata in gola e così è rimasta, a s…

Esempio di Relazione medico legale. La Valutazione Multidimensionale dell'Anziano

Tolti i riferimenti nel rispetto della riservatezza (vi piace di più "privacy"?), riporto una mia Relazione scritta in risposta al parere negativo del Consulente Medico d'Ufficio, incaricato da un Giudice del Tribunale del Lavoro di rispondere sulla sussistenza dei requisiti per l'indennità di accompagnamento. Non cominciate a sbadigliare, non è troppo tecnica, forse persino utile per comprendere anche aspetti di interesse sulle autonomia della personza anziana (e non solo).




Dott. Giovanni Sicuranza
Medico Chirurgo
Specialista in Medicina Legale
cell.: 338-…..
e-mail: giovanni_sicuranza@....




Controdeduzioni medico-legali


a Relazione di Consulenza Tecnica d’Ufficio


del Professore Libro de’ Libris


Causa:
Itala NEGATA / INPS


RGL n. …



Premessa.


Nella Relazione Medico Legale di Consulenza Tecnica d’Ufficio, redatta il 15.08.2009 in merito alla causa in epigrafe, il professore Libro de’ Libris, incaricato come CTU dal Giudice del Tribunale Ordinario di …, Sezione Lavoro e Previdenza…

Afasia e disabilità. Tra clinica, riabilitazione, medicina legale.

Premessa.
1. La patologia.
Il linguaggio è una capacità esclusiva della specie umana e circa 6000 sono le lingue attualmente parlate in ogni parte del mondo. Espressione del pensiero, il linguaggio è il più complesso sistema di comunicazione che assolve alla funzione della regolazione sociale ed alla elaborazione interna delle conoscenze.
Tra i disturbi del linguaggio, le afasie abbracciano una molteplicità di tipologie strettamente collegate ai vari livelli di competenza linguistica compromessi (fonetico, fonemico, semantico, lessicale, sintattico e pragmatico). Gli studi sull’afasia iniziano più di un secolo fa quando l’antropologo francese Pierre Paul Broca (1824-1880) utilizza il metodo anatomo-clinico per descrivere, da un lato, le caratteristiche del disturbo del comportamento e, dall’altro, le peculiarità della patologia che ha danneggiato il sistema nervoso di un suo paziente, passato alla cronaca con il nome di “Tan”, unico suono che riusciva a pronunciare, affetto da afasia po…