Passa ai contenuti principali

Male nostrum


Male nostrumGiovanni Sicuranza

A volte basta ignorarli, oppure dimenticarli. 
È sconcertante quanto sia semplice farlo. Allontanati dalla memoria, anche i numeri più elevati di una strage diventano 
nulla. 
L’epidemia dell’influenza “spagnola” ha causato ventuno milioni di morti in due anni, nel 1918 e nel 1919, che sono come il nostro 2014 e il nostro 2015, sono come due anni della nostra vita, e lo ha fatto con l’impeto della peggiore pestilenza affrontata dalla specie umana. 

Americhe. 
Asia. 
Europa. 

Seicentomila morti in Italia.   

Ha colpito in tre ondate successive, uno tsunami virale veloce, un cambiamento antigenico improvviso (antigenic shift), che ha oscurato la tragedia della Grande Guerra.
Un tasso di mortalità da fare impallidire lo 0,5%, usualmente noto per le epidemie influenzali. 
2,5%; con un’inflazione così la specie umana è al collasso. 
A confronto per parità di tempo, la peste del XIV secolo è una timida falciatrice.

Si è estinto, questo virus feroce; A H1/N1 ci ha lasciato nel 1919 forse vittima della sua stessa ingordigia, troppo vorace di vite umane, troppo usurante di corpi per riuscire a sopravvivere. 
Bulimico, infine è morto di fame. 
Per carenza di massa utile in cui saltare e distruggere. 
Un buon virus sa che per sopravvivere a lungo deve procedere a piccoli assaggi; l'ecosistema va rispettato. 
Ma forse H1N1 lo sa. Forse è da qualche parte, celato nelle mutazioni aviarie, forse ci sta solo digerendo e riposa. 
Tuttavia per noi è sparito, anzi, non è mai esistito, se non nei ricordi di qualche nonno, in un “ah, sì, pensa cosa mi fai venire in mente, mi dicevano del fratellino di mia madre, morto per colpa dell’influenza cattiva”.
Cattiva, inopportuna. 

Alla Storia non interessano le guerre vinte e perse a causa di infezioni. Sembra che i tedeschi, già stremati, abbiano ceduto anche per questa nemica, alla quale mai il Terzo Reich si sognò di imputare la sconfitta del sogno germanico. 
La Storia è antropocentrica, non cura i dettagli microscopici. 

E nemmeno la Medicina, la novella moderna Medicina, la fantasmagorica Medicina, quella delle vittorie di Pasteur e del microscopio; insomma, dopo secoli di buio scientifico il medico illuminato poteva ammettere di essere sconfitto da una banale influenza?

Gli Stati belligeranti concordavano; mai dare risalto a questo virus anarchico, in alto l’umore!, le popolazioni, gli eserciti, sono già usurati da anni di guerra; le notizie delle morti vanno rilegate nelle cronache locali o in qualche trafiletto oltre la prima pagina 
(la Spagna, che la guerra osservava e non subiva, ne diede invece ampio risalto e per questo motivo l’influenza del 1918-19 viene chiamata “spagnola”) 

Infine, ecco, zitti, non ditelo in giro, ma all’epoca, nell’epopea dei patriottismi, degli eroismi, morire di polmonite, in modo tanto banale, insomma, senza “ismi”, era considerato un disonore. Quando un uomo affogava nelle sue paludi polmonari, il necrologio enfatizzava soprattutto il curriculum di guerra. 

Per questi motivi il virus A H1/N1, il grande predatore della nostra specie, ha perso. 

Non perché lo abbiamo debellato, perché lo abbiamo dimenticato.

Ma questa, a ben pensarci, è la nostra sconfitta.





Commenti

Post popolari in questo blog

Donna mia

Donna miaGiovanni Sicuranza

A volte, quando il sole si sbriciola nel buio, io dimentico il suo nome.

Lei era la mia prima donna, l’ho conosciuta non so quanti anni prima di questo imbrunire.

Ecco, ora che ci penso ho lasciato indietro anche il suo viso. 
E l'unica cosa che ricordo è come rideva. 

Rideva come un cucciolo, insomma, non c’era traccia di raziocinio nel suo ridere e questo era lo splendido, tanto da avere la forza di una memoria eterna.

Lei è stata la prima che mi ha fatto pensare alla vecchiaia. 
L'amore è anche questo, no?, quando la guardi e pensi che sarete vecchi insieme e, anche se sei appena un ragazzo, all’improvviso invecchiare diventa una previsione concreta e bella.

La mia donna è morta durante questi sogni, 
è morta che rideva.

Eravamo in un locale ormai chiuso, a pranzo con amici, qualcuno le ha detto una frase idiota e lei ha iniziato a ridere, con tutta la carne di pollo pronta a entrarle nello stomaco e che invece si è fermata in gola e così è rimasta, a s…

Esempio di Relazione medico legale. La Valutazione Multidimensionale dell'Anziano

Tolti i riferimenti nel rispetto della riservatezza (vi piace di più "privacy"?), riporto una mia Relazione scritta in risposta al parere negativo del Consulente Medico d'Ufficio, incaricato da un Giudice del Tribunale del Lavoro di rispondere sulla sussistenza dei requisiti per l'indennità di accompagnamento. Non cominciate a sbadigliare, non è troppo tecnica, forse persino utile per comprendere anche aspetti di interesse sulle autonomia della personza anziana (e non solo).




Dott. Giovanni Sicuranza
Medico Chirurgo
Specialista in Medicina Legale
cell.: 338-…..
e-mail: giovanni_sicuranza@....




Controdeduzioni medico-legali


a Relazione di Consulenza Tecnica d’Ufficio


del Professore Libro de’ Libris


Causa:
Itala NEGATA / INPS


RGL n. …



Premessa.


Nella Relazione Medico Legale di Consulenza Tecnica d’Ufficio, redatta il 15.08.2009 in merito alla causa in epigrafe, il professore Libro de’ Libris, incaricato come CTU dal Giudice del Tribunale Ordinario di …, Sezione Lavoro e Previdenza…

Esempi di statue dei Cimiteri Monumentali. Il laicismo, il verismo. L'erotismo.

Dai Cimiteri Monumentali di Bologna, Milano, Genova; Parigi, Londra, Lwow (Ucraina); Viriginia (USA).



Come spiegato negli articoli (a cui si rinvia), il cimitero moderno, che vive la sua fase di crescita e apoteosi tra l'inizio del XIX secolo e la metà del XX secolo, dal punto di vista dell'arte è caratterizzato da statue impregnate di laicismo, verismo, erotismo (vd. ad esempio il monumento dedicato a Victor Noir - Père-Lachaise, Parigi - , con la zona del pene in bronzo lucido, nell'evidente erezione che le donne non disdegnano di accarezzare, quale simbolo di fertilità).


E' la celebrazione della nuova borghesia, nell'individualismo e nella ricerca dei particolari, oltre il messaggio religioso.