Passa ai contenuti principali

Scampoli di oscuro stilvuoto


Scampoli di oscuro stilvuoto.

(immagine: "El Exorcista", Regan MacNeil)

Non chiederti se ti piacciono i miei personaggi. Chiediti se tu piaci a loro.”


Giovanni Sicuranza (nato a Menaggio - deceduto qui e altrove, ogni giorno di più)
Medico Legale, attualmente si occupa in prevalenza di Medicina Sociale.

Nel dicembre 2006 è uscita la sua prima raccolta di racconti dal titolo "maschere" (Giraldi Editore, Bologna), scritta con lo pseudonimo di homo interrogans e con le prefazioni di Eraldo Baldini e Valerio Evangelisti. Nello stesso periodo il suo racconto "Previsioni" è stato pubblicato nell'antologia "Tropico d'asfalto ed altri racconti" (Edizioni EDUP).

Nell'estate 2007 è presente con un racconto, "Penombre", nell'antologia "Il delitto si tinge di verde", Orione Editore. Nello stesso anno, un altro suo racconto, "Il museo delle cere", è presente nell'antologia noir "La legge dei figli", con prefazione di Giancarlo De Cataldo, Meridiano Zero Editore.

Ancora nel 2007, il racconto "L'ordine delle cose" compare nell'antologia "Giallo Scacchi", Edizioni Ediscere.

A novembre 2009 è uscito il suo primo romanzo, "Quando piove", Edizioni Montag.

Nel giugno 2010 sono stati pubblicati due suoi racconti, "Riflessi" e "12", rispettivamente per l'antologia "365 racconti erotici per un anno", Delos Books Editore e per l'antologia "I sentieri del cuore", Montag Editore.

Dicembre 2010: "Storie da Città di Solitudine e dal Km 76", dove la morte è poesia, Youcanprint Editore, ha un buon riscontro di critica e pubblico.

Nel 2011, con il racconto "Lasciate che tornino a me", è presente nell'antologia "365 racconti horror per un anno", Delos Books Editore; in estate pubblica la prima raccolta di poesie, "Uomo senza meta", con La Feltrinelli e Ilmiolibro.it (Gruppo Editoriale l'Espresso).

Novembre 2011: il seguito di "Storie da Città di Solitudine e dal Km 76" è "Ritorno a Città di Solitudine"; ancora Youcanprint.it-Borè s.r.l.
Dove la morte è iconografia.

2012: "Polvere di Silenzi", ancora Youcanprint-Boré s.r.l. Editore; la palude del metaromanzo.

2013: “Lungo il vento”, Youcanprint-Borè s.r.l., dalla fine della Seconda Guerra Mondiale all’attualità, un romanzo noir e surreale dove la Storia è un sentiero di ombre e sangue.

2016:
1) “Sotto la terra qualcosa campa”, romanzo gotico irrituale sulle vicende di Lavrange e Nostra Signora della Fossa.
2) “Pneumachia – la disfatta della poesia”, raccolta di deliri condensata in formato tascabile.
3) “Il dipinto”, breve romanzo o lungo racconto, comunque un sospiro; la morte e la memoria di un dipinto surreale.


Pagine on-line dell’autore:

1)     Blog “Neurotopia”:

2)     Pagina Facebook “La mitologia di Giovanni Sicuranza”:

Per contatti e contratti:
homointerrogans@gmail.com

Le mie opere si trovano in molti store on-line, in e-book e cartaceo. 

Per alcune di queste, con relative sinossi, rinvio ad esempio a tre link tratti da IBS, laFeltrinelli, Amazon:




Di seguito il link che rinvia alla mappa delle librerie “fisiche”, dove è possibile ordinare libri pubblicati con Youcanprint: 


L’elenco delle mie pubblicazioni è di prossimo aggiornamento con le ultime opere edite tra luglio ed agosto u.s. Attualmente è possibile trovarle qui: 

1) “Sotto la terra qualcosa campa”, romanzo gotico irrituale:

2) “Il dipinto”, narrativa gotico moderna: 
(profilo autore: 

Segnalo inoltre il link Youtube, che rinvia alla prima parte di una mia intervista per Radio RCS; non è recente (2010), tuttavia si discute in modo pressoché esaustivo e ancora attuale delle tematiche della mia narrativa e sulla scelta (temporanea?) dell’auto-pubblicazione: 


Ma, sussurrato tra noi, forse è meglio questo video: 

Grazie per la paziente attenzione. 
Anche a nome dei miei personaggi. 
Giovanni Sicuranza



Commenti

Post popolari in questo blog

Donna mia

Donna miaGiovanni Sicuranza

A volte, quando il sole si sbriciola nel buio, io dimentico il suo nome.

Lei era la mia prima donna, l’ho conosciuta non so quanti anni prima di questo imbrunire.

Ecco, ora che ci penso ho lasciato indietro anche il suo viso. 
E l'unica cosa che ricordo è come rideva. 

Rideva come un cucciolo, insomma, non c’era traccia di raziocinio nel suo ridere e questo era lo splendido, tanto da avere la forza di una memoria eterna.

Lei è stata la prima che mi ha fatto pensare alla vecchiaia. 
L'amore è anche questo, no?, quando la guardi e pensi che sarete vecchi insieme e, anche se sei appena un ragazzo, all’improvviso invecchiare diventa una previsione concreta e bella.

La mia donna è morta durante questi sogni, 
è morta che rideva.

Eravamo in un locale ormai chiuso, a pranzo con amici, qualcuno le ha detto una frase idiota e lei ha iniziato a ridere, con tutta la carne di pollo pronta a entrarle nello stomaco e che invece si è fermata in gola e così è rimasta, a s…

Esempio di Relazione medico legale. La Valutazione Multidimensionale dell'Anziano

Tolti i riferimenti nel rispetto della riservatezza (vi piace di più "privacy"?), riporto una mia Relazione scritta in risposta al parere negativo del Consulente Medico d'Ufficio, incaricato da un Giudice del Tribunale del Lavoro di rispondere sulla sussistenza dei requisiti per l'indennità di accompagnamento. Non cominciate a sbadigliare, non è troppo tecnica, forse persino utile per comprendere anche aspetti di interesse sulle autonomia della personza anziana (e non solo).




Dott. Giovanni Sicuranza
Medico Chirurgo
Specialista in Medicina Legale
cell.: 338-…..
e-mail: giovanni_sicuranza@....




Controdeduzioni medico-legali


a Relazione di Consulenza Tecnica d’Ufficio


del Professore Libro de’ Libris


Causa:
Itala NEGATA / INPS


RGL n. …



Premessa.


Nella Relazione Medico Legale di Consulenza Tecnica d’Ufficio, redatta il 15.08.2009 in merito alla causa in epigrafe, il professore Libro de’ Libris, incaricato come CTU dal Giudice del Tribunale Ordinario di …, Sezione Lavoro e Previdenza…

Esempi di statue dei Cimiteri Monumentali. Il laicismo, il verismo. L'erotismo.

Dai Cimiteri Monumentali di Bologna, Milano, Genova; Parigi, Londra, Lwow (Ucraina); Viriginia (USA).



Come spiegato negli articoli (a cui si rinvia), il cimitero moderno, che vive la sua fase di crescita e apoteosi tra l'inizio del XIX secolo e la metà del XX secolo, dal punto di vista dell'arte è caratterizzato da statue impregnate di laicismo, verismo, erotismo (vd. ad esempio il monumento dedicato a Victor Noir - Père-Lachaise, Parigi - , con la zona del pene in bronzo lucido, nell'evidente erezione che le donne non disdegnano di accarezzare, quale simbolo di fertilità).


E' la celebrazione della nuova borghesia, nell'individualismo e nella ricerca dei particolari, oltre il messaggio religioso.