La Mirabile Ripa del Lettore


A volte un libro che prende fuoco mostra più 
meraviglie del suo contenuto.
E, sempre, riscalda gli animi.

(dal sito web "Un libro migliora la vita") 


Nota dissonante.

Cavolo, bisogna sempre chiarire sul chiarimento del chiarimento, in questa dittatura del pensiero unico/democratico del web. Intanto ringrazio chi mi ha inviato un messaggio dandomi del nazista con toni che avrebbero fatto deglutire J. Goebbels - e tra l'altro evidenziando la superficialità del ragionamento, della condanna, del periodo storico, del contesto; e del mezzo e del fine; ignorante, studia, più emotività da australopitecina, invero - a proposito, esimia ex-lettrice, spero davvero che lei abbia tolto il gradimento alla pagina, in caso contrario sarei grato al suo silenzio.

Non discuto sul piacere della lettura, ma sulla tendenza di individui, gruppi, pagine di rendere la Lettura, in generale, Atto Sacro ed Evolutivo. La religiosità si esprime con salmi, slogan, tipo "Chi legge vive non una, ma cento vite". Cagate immense, che, tra l'altro, mi lasciano dubbi proprio sulla presunta evoluzione che questi lettori hanno completato.

Tornando all'esempio - ripeto, esempio, di mantra in stile la Lettura e Noi Lettori Siamo SPECIALI se ne trovano sparsi ovunque - ecco cosa mi comunica:
1) forse a stare tanto con il naso nei libri alla fine non avrai vissuto nemmeno la tua unica vita;
2) forse il punto 1) è quello che cerchi, perché la tua vita è vuota;
3) tipico di questi mantra - dato che suggerisce nulla sulla qualità - è osannare il potere taumaturgico della lettura assoluta; eppure se leggo di cento vite di mediocre qualità narrativa, non è meglio il suicidio?

I mantra cari alla Setta dei Lettori esaltano il leggere indipendentemente dal contenuto (va bene anche un ricettario?). Nei loro interventi, personalmente e con i miei limiti, vedo povertà persistente di pensiero, di critica. E mi chiedo se davvero leggere migliora. Beh, presumo che se di base sei ottuso, pregiudizievole, non solo non cambierai idea, ma tenderai a ritrovare la narrativa che conferma i tuoi schemi mentali. Magari cambi idea proprio VIVENDO tra altra gente e sempre che le tue sinapsi siano abbastanza plastiche da consentirlo.

Recente è la censura allo slogan della Declaton, indecente, pericolosa, proprio da parte dei lettori, da quelli che leggere-apre-la-mente; ma ho scritto troppo, l'ho già ripreso nella mia bacheca FB, andate comunque a cercare, se vi interessa, lì o altrove. Una vergogna. E, infine, leggere è piacevole. Fino a quando non incontri questi Sacerdoti. 

Grazie per l'attenzione.


Commenti

Post più popolari