Passa ai contenuti principali

Non smettono più


Non smettono più - Giovanni Sicuranza

Mio figlio ha occhietti talpici, chiusi da palloncini trasparenti tesi sulle palpebre, e ha le iridi senza colore, di un nero che tutto assorbe e nulla restituisce. 
Un nero idiozia. 
Mio figlio mi guarda e io continuo a risucchiare le labbra, perché so che vedermi così gli fa schifo, più di quando ho la dentiera, sicuro. Risucchio le labbra fino in fondo, nella caverna della bocca, e con uno schiocco le riporto fuori. E lui fissa, affascinato, disgustato, forse pensando ai movimenti tentacolari di un'ameba. Di un suo simile, insomma. 
- Non hai capito cosa ho detto? - geme. 

Ha la voce di chi ha appena calpestato budini di merda a piedi nudi. Piagnucola, così ha iniziato la sua vita, così la porta oltre. E trascina le ultime sillabe in diapason di suppliche. Per questo adoro aumentare il ritmo delle labbra, dentro la bocca, fuori la bocca, un due, respiro, dentro la bocca, fuori la bocca.
- Papà, ti prego, oggi ho parlato con la mamma.
Va bene, è il momento del barlume di pietà, più sociale che paterno; quando i suoi occhietti iniziano a pulsare sotto le palpebre, la degradazione dopo è la crisi isterica. 
- Tua madre non ha mai parlato. 
- Ma no, papà, con me lo ha fatto, anche oggi, ero appena entrato al cimitero.
- Mai, ti ho detto, nemmeno quando era viva, figuriamoci da morta. 
- Papà - gorgoglio - i fantasmi esistono.
Annuisco e subito ricomincio a muovere l'ameba delle labbra. Anche al limite c'è un limite. 
Figlio mio striscia verso l'uscio, il capo così chino che sembra disarticolato dal collo, anzi, proprio decapitato. 
Lo vedo svanire prima della porta e penso che a parlare con i morti siamo buoni tutti, il problema è farci rispondere.
Ho avuto una moglie e un figlio assenti, mutacici, fino a quando un incidente li ha decapitati. 
Ora mi trovo questa lagna di infestazione, e, accidenti, passi che solo da morto si metta a parlare, ma che mi dica di vedere a sua volta il fantasma della madre, di sentirne addirittura le parole, dopo che mi hanno ignorato per oltre vent'anni, beh, francamente mi sembra troppo. 
Le labbra dentro la bocca, le labbra fuori, un due, respiro, daccapo.


da "Sotto la terra qualcosa campa" @perhaps editore

[immagine: "The woods", Markus Akesson]

Commenti

Post popolari in questo blog

Donna mia

Donna miaGiovanni Sicuranza

A volte, quando il sole si sbriciola nel buio, io dimentico il suo nome.

Lei era la mia prima donna, l’ho conosciuta non so quanti anni prima di questo imbrunire.

Ecco, ora che ci penso ho lasciato indietro anche il suo viso. 
E l'unica cosa che ricordo è come rideva. 

Rideva come un cucciolo, insomma, non c’era traccia di raziocinio nel suo ridere e questo era lo splendido, tanto da avere la forza di una memoria eterna.

Lei è stata la prima che mi ha fatto pensare alla vecchiaia. 
L'amore è anche questo, no?, quando la guardi e pensi che sarete vecchi insieme e, anche se sei appena un ragazzo, all’improvviso invecchiare diventa una previsione concreta e bella.

La mia donna è morta durante questi sogni, 
è morta che rideva.

Eravamo in un locale ormai chiuso, a pranzo con amici, qualcuno le ha detto una frase idiota e lei ha iniziato a ridere, con tutta la carne di pollo pronta a entrarle nello stomaco e che invece si è fermata in gola e così è rimasta, a s…

Esempio di Relazione medico legale. La Valutazione Multidimensionale dell'Anziano

Tolti i riferimenti nel rispetto della riservatezza (vi piace di più "privacy"?), riporto una mia Relazione scritta in risposta al parere negativo del Consulente Medico d'Ufficio, incaricato da un Giudice del Tribunale del Lavoro di rispondere sulla sussistenza dei requisiti per l'indennità di accompagnamento. Non cominciate a sbadigliare, non è troppo tecnica, forse persino utile per comprendere anche aspetti di interesse sulle autonomia della personza anziana (e non solo).




Dott. Giovanni Sicuranza
Medico Chirurgo
Specialista in Medicina Legale
cell.: 338-…..
e-mail: giovanni_sicuranza@....




Controdeduzioni medico-legali


a Relazione di Consulenza Tecnica d’Ufficio


del Professore Libro de’ Libris


Causa:
Itala NEGATA / INPS


RGL n. …



Premessa.


Nella Relazione Medico Legale di Consulenza Tecnica d’Ufficio, redatta il 15.08.2009 in merito alla causa in epigrafe, il professore Libro de’ Libris, incaricato come CTU dal Giudice del Tribunale Ordinario di …, Sezione Lavoro e Previdenza…

Esempi di statue dei Cimiteri Monumentali. Il laicismo, il verismo. L'erotismo.

Dai Cimiteri Monumentali di Bologna, Milano, Genova; Parigi, Londra, Lwow (Ucraina); Viriginia (USA).



Come spiegato negli articoli (a cui si rinvia), il cimitero moderno, che vive la sua fase di crescita e apoteosi tra l'inizio del XIX secolo e la metà del XX secolo, dal punto di vista dell'arte è caratterizzato da statue impregnate di laicismo, verismo, erotismo (vd. ad esempio il monumento dedicato a Victor Noir - Père-Lachaise, Parigi - , con la zona del pene in bronzo lucido, nell'evidente erezione che le donne non disdegnano di accarezzare, quale simbolo di fertilità).


E' la celebrazione della nuova borghesia, nell'individualismo e nella ricerca dei particolari, oltre il messaggio religioso.