Passa ai contenuti principali

Prima di dopo


Prima di dopo * - Giovanni Sicuranza

Si è voltata un istante e, quando gli occhi tornano a lui, già è un'altra donna. 
In un attimo, così si innamora, mentre il crepuscolo non si accorge di nulla, e nemmeno il chiaroscuro della piazza, che diventa solo un po' più nero lungo i profili delle panchine, tra le rade persone che ancora camminano. 
Il minuto prima era intenta a leggere un libro di un autore sconosciuto, sfinita dentro un delirare di racconti di morte, poi l'uomo l'ha chiamata con il silenzio di un sorriso. 
Ora non è più la lei di una vita prima; ecco, il suo respiro rallenta, il cuore prende un ritmo folk, e il pensiero diventa ossessione di quell'uomo, del suo corpo, del suo esistere. 
Ciao, dice. 
Lui sorride, piano; i suoi occhi indossano il vestito scuro del mare nell'inverno. 
Rimani qui, chiede lei, senza esitare, rimani con me per sempre.
Lui reclina la testa di lato, fino ad incontrare il marmo del monumento ai caduti, e così rimane, le labbra piene come un prato nella rugiada, annuisce appena e non parla.  
Lei deglutisce, una volta, e poi due e tre e poi ancora; è come me, pensa. 
Non si accorge del libro che scivola dalle mani e si apre sull'asfalto, alle pagine finali, la copertina supina, immobile tra residui di spore, con il titolo enorme, "Sotto la terra qualcosa campa", rosso venoso, creato per riempire gli occhi, quando ancora occhi leggevano. 
Quelli di lei no, adesso non più, nulla vedono se non l'uomo che la guarda. Nemmeno vedono la gente che geme, tossisce e si allontana dalla panchina, mesta. 
Un piccione le sfiora le ciabatte, si sofferma, cauto, va su e giù con il collo, questo sa fare, e forse comprende.


Il monumento ai caduti emerge dalla centralità della piazza, gigante mano protesa al cielo dalla fine della Prima Pandemia, invocazione perché la morte smetta di piovere sulla gente. 


Non è mai servito, o forse no, perché a volte questo è il luogo in cui si incontra una speranza, dove basta poco, un fremito fugace tra una donna e un uomo, per illudersi in un "per sempre". 
E, se l'istante dopo il virus spegne il cuore, non importa.  


* dal romanzo "Sotto la terra qualcosa campa" di Giovanni Sicuranza @ 2013-2015

immagine: "Mani", Massimo Talamini

Commenti

Post popolari in questo blog

Donna mia

Donna miaGiovanni Sicuranza

A volte, quando il sole si sbriciola nel buio, io dimentico il suo nome.

Lei era la mia prima donna, l’ho conosciuta non so quanti anni prima di questo imbrunire.

Ecco, ora che ci penso ho lasciato indietro anche il suo viso. 
E l'unica cosa che ricordo è come rideva. 

Rideva come un cucciolo, insomma, non c’era traccia di raziocinio nel suo ridere e questo era lo splendido, tanto da avere la forza di una memoria eterna.

Lei è stata la prima che mi ha fatto pensare alla vecchiaia. 
L'amore è anche questo, no?, quando la guardi e pensi che sarete vecchi insieme e, anche se sei appena un ragazzo, all’improvviso invecchiare diventa una previsione concreta e bella.

La mia donna è morta durante questi sogni, 
è morta che rideva.

Eravamo in un locale ormai chiuso, a pranzo con amici, qualcuno le ha detto una frase idiota e lei ha iniziato a ridere, con tutta la carne di pollo pronta a entrarle nello stomaco e che invece si è fermata in gola e così è rimasta, a s…

Esempio di Relazione medico legale. La Valutazione Multidimensionale dell'Anziano

Tolti i riferimenti nel rispetto della riservatezza (vi piace di più "privacy"?), riporto una mia Relazione scritta in risposta al parere negativo del Consulente Medico d'Ufficio, incaricato da un Giudice del Tribunale del Lavoro di rispondere sulla sussistenza dei requisiti per l'indennità di accompagnamento. Non cominciate a sbadigliare, non è troppo tecnica, forse persino utile per comprendere anche aspetti di interesse sulle autonomia della personza anziana (e non solo).




Dott. Giovanni Sicuranza
Medico Chirurgo
Specialista in Medicina Legale
cell.: 338-…..
e-mail: giovanni_sicuranza@....




Controdeduzioni medico-legali


a Relazione di Consulenza Tecnica d’Ufficio


del Professore Libro de’ Libris


Causa:
Itala NEGATA / INPS


RGL n. …



Premessa.


Nella Relazione Medico Legale di Consulenza Tecnica d’Ufficio, redatta il 15.08.2009 in merito alla causa in epigrafe, il professore Libro de’ Libris, incaricato come CTU dal Giudice del Tribunale Ordinario di …, Sezione Lavoro e Previdenza…

Esempi di statue dei Cimiteri Monumentali. Il laicismo, il verismo. L'erotismo.

Dai Cimiteri Monumentali di Bologna, Milano, Genova; Parigi, Londra, Lwow (Ucraina); Viriginia (USA).



Come spiegato negli articoli (a cui si rinvia), il cimitero moderno, che vive la sua fase di crescita e apoteosi tra l'inizio del XIX secolo e la metà del XX secolo, dal punto di vista dell'arte è caratterizzato da statue impregnate di laicismo, verismo, erotismo (vd. ad esempio il monumento dedicato a Victor Noir - Père-Lachaise, Parigi - , con la zona del pene in bronzo lucido, nell'evidente erezione che le donne non disdegnano di accarezzare, quale simbolo di fertilità).


E' la celebrazione della nuova borghesia, nell'individualismo e nella ricerca dei particolari, oltre il messaggio religioso.