Fiori accesi [riedit]


Io non lo farei, mai offrirei fiori ad una donna. 
Pensaci, presentarti a lei con un mazzo di fiori; se le portassi il corpo spento di un gattino saresti un sadico e lei, che lo accoglie con un sorriso nella dimora, la tua complice. 

Fiori recisi, sventrati dalla terra, 
gambi perduti di linfa, 
petali rugosi di morte. 
Bella coppia che siete.
E il loro odore, ah, l'odore, 
fermentazione fragile, immobile; questo 
cadaverico trasudare chiamato profumo.

Non è, non vorrebbe essere, un mantra preservativo, un invito a preservare la verginità della flora, insomma; non ho ideali così elevati, certo non così manifesti. Si tratta solo di un singhiozzo di riflessione, un niente sulle cose morte, che a volte diventano desiderio e simbolo di vita, mentre la morte, la morte "altra", è un evento con tendenza al tabù e alla rimozione. 





Dal romanzo "Sotto la terra qualcosa campa", nei capitoli dedicati a Nostra Signora della Fossa, esumo un invito alla lettura floreale e alla vita nella morte: 

Grazie. 
GiovanniS

Commenti

Post più popolari