Passa ai contenuti principali

Chi è il nemico - capitolo stretto


Chi è il nemico - capitolo stretto - Giovanni Sicuranza

Se torni a casa, a passi stretti tra le pareti di ghiaccio, non lasciare gli occhi sul sentiero, sull'erba bianca e deserta che calpesti. Se il riflesso laggiù, lungo le pareti in pietra, quel tremulo arancio che veste la casa al bivio tra il paese e il vento, è quello delle fiamme di un cammino, allora vai; ma cammina piano, rischia il gelo per conoscere questo mondo antico come l'era della glaciazione.
Tu non c'eri, io nemmeno, e questo è il momento per trovarlo, per capire come siamo sopravvissuti, tutti noi, umani, al rischio di estinzione. Come siamo stati forti nelle intemperie dell'evoluzione, era glaciale dopo era glaciale. Apprendilo e ricordalo, ti sarà utile. 
Se cadi adesso, rinunci al percorso della nostra specie, se pensi solo a raggiungere il calore di quella casa, e affretti il fiato, non saprai mai dei piccoli passi dell'umanità, tra il freddo, il vento, e nulla saprai della paura e di com'è vivere dentro il buio, tra versi di invisibili predatori. 
Cammina adagio, adesso, non guardare, osserva. Prendi dentro lo smarrimento per questo angolo di mondo ostile e lascialo adagiare nella memoria fino a quando non avrai bussato alla porta della casa. 
Tra poco comprenderai quanto è meglio attardarsi, prima di bussare alla porta della casa riscaldata, prima che ti apra la Signora di Lavrange e che le sue mani lunghe, pallide, ti offrano il conforto di un vin brulé.
Quello sarà il momento di affrontare la leggenda di Lavrange, la fiaba di morte di Nostra Signora della Fossa; sarà il tempo di decidere se bere il suo ingannevole vino o ringraziare e proseguire nella solitudine del ghiaccio.       
Lei aspetta e tu non mancare. Ma attardati ancora un po' in questo mondo esterno, ostile; conoscilo prima di Nostra Signora della Fossa, perché il freddo e la notte, tutto questo nulla glaciale, saranno la tua unica possibilità di fuga. 

[estratto da "Nostra Signora della Fossa", romanzo di Giovanni Sicuranza]

Commenti

Post popolari in questo blog

Donna mia

Donna miaGiovanni Sicuranza

A volte, quando il sole si sbriciola nel buio, io dimentico il suo nome.

Lei era la mia prima donna, l’ho conosciuta non so quanti anni prima di questo imbrunire.

Ecco, ora che ci penso ho lasciato indietro anche il suo viso. 
E l'unica cosa che ricordo è come rideva. 

Rideva come un cucciolo, insomma, non c’era traccia di raziocinio nel suo ridere e questo era lo splendido, tanto da avere la forza di una memoria eterna.

Lei è stata la prima che mi ha fatto pensare alla vecchiaia. 
L'amore è anche questo, no?, quando la guardi e pensi che sarete vecchi insieme e, anche se sei appena un ragazzo, all’improvviso invecchiare diventa una previsione concreta e bella.

La mia donna è morta durante questi sogni, 
è morta che rideva.

Eravamo in un locale ormai chiuso, a pranzo con amici, qualcuno le ha detto una frase idiota e lei ha iniziato a ridere, con tutta la carne di pollo pronta a entrarle nello stomaco e che invece si è fermata in gola e così è rimasta, a s…

Esempio di Relazione medico legale. La Valutazione Multidimensionale dell'Anziano

Tolti i riferimenti nel rispetto della riservatezza (vi piace di più "privacy"?), riporto una mia Relazione scritta in risposta al parere negativo del Consulente Medico d'Ufficio, incaricato da un Giudice del Tribunale del Lavoro di rispondere sulla sussistenza dei requisiti per l'indennità di accompagnamento. Non cominciate a sbadigliare, non è troppo tecnica, forse persino utile per comprendere anche aspetti di interesse sulle autonomia della personza anziana (e non solo).




Dott. Giovanni Sicuranza
Medico Chirurgo
Specialista in Medicina Legale
cell.: 338-…..
e-mail: giovanni_sicuranza@....




Controdeduzioni medico-legali


a Relazione di Consulenza Tecnica d’Ufficio


del Professore Libro de’ Libris


Causa:
Itala NEGATA / INPS


RGL n. …



Premessa.


Nella Relazione Medico Legale di Consulenza Tecnica d’Ufficio, redatta il 15.08.2009 in merito alla causa in epigrafe, il professore Libro de’ Libris, incaricato come CTU dal Giudice del Tribunale Ordinario di …, Sezione Lavoro e Previdenza…

Esempi di statue dei Cimiteri Monumentali. Il laicismo, il verismo. L'erotismo.

Dai Cimiteri Monumentali di Bologna, Milano, Genova; Parigi, Londra, Lwow (Ucraina); Viriginia (USA).



Come spiegato negli articoli (a cui si rinvia), il cimitero moderno, che vive la sua fase di crescita e apoteosi tra l'inizio del XIX secolo e la metà del XX secolo, dal punto di vista dell'arte è caratterizzato da statue impregnate di laicismo, verismo, erotismo (vd. ad esempio il monumento dedicato a Victor Noir - Père-Lachaise, Parigi - , con la zona del pene in bronzo lucido, nell'evidente erezione che le donne non disdegnano di accarezzare, quale simbolo di fertilità).


E' la celebrazione della nuova borghesia, nell'individualismo e nella ricerca dei particolari, oltre il messaggio religioso.