Passa ai contenuti principali

Io


IoGiovanni Sicuranza 

E’ tempo che mi incontri, subito. 
Leggi, vero? Forse per caso, forse per noia. Forse in una sala d’attesa, mentre attendi di soffrire dal dentista, o in un ufficio, con l’ansia seduta accanto, in attesa di un altro rifiuto di lavoro. Magari ti ho sorpreso sulla tavola di un cesso, con queste righe che scorrono tra espressioni sofferenti, mentre riempi le fogne del tuo scarto. È dunque giusto il ritrovarci, visto per te io sono un rifiuto, una seccatura sociale.  
Il problema è che questo è il “tuo” problema. 
Perché tu, in questa storia, sei preda. 
La mia preda. 
Sorpreso? Già, plasmato da altri come te, credi di conoscere come va il mondo. Bravo. Ma del tuo corpo, di quello che ti succede dentro, conosci il nulla. 
Sei ignorante allo stadio più blasfemo, perché nemmeno ti ponete il problema dell’ignoranza. Ti solletica sapere come chiameranno il principino inglese appena nato? Sbirciare i resti di un incidente stradale ti stimola meglio di una defecazione? 
E dell’incidente che sei tu, cosa ne pensi? Niente. 
Tu, gli altri, ma dai, avete una coscienza di voi stessi, ma è appena macroscopica. 
Vi vedete nella vostra unità di corpo, ma di quanto vi succede dentro, zero. Zero assoluto. 
Per questo io sono il protagonista. E voi le vittime. 
I tuoi tessuti, quelli dei tuoi simili, sono fragilità ridondante; una girandola confusa di trasformazioni, di mitosi, di apoptosi, mentre io, io sono evoluzione. 
Evoluzione nel silenzio delle vostre cellule, che si affannano a moltiplicarsi, a trasformarsi, a morire, dirette da un infante del niente: il DNA. Non sapete quante trasformazioni gli sfuggono, povero DNA, ogni giorno solo nelle orde cellulari. Nasce già stanco, il vostro DNA. 
Continuate a vivere, scorze ignoranti del vostro microcosmo. A me basta un refolo di starnuto, una ferita da niente per aprirmi la porta, per muovermi, veloce, predatore del vostro intimo. Io, io sono il virus.

Commenti

Post popolari in questo blog

Donna mia

Donna miaGiovanni Sicuranza

A volte, quando il sole si sbriciola nel buio, io dimentico il suo nome.

Lei era la mia prima donna, l’ho conosciuta non so quanti anni prima di questo imbrunire.

Ecco, ora che ci penso ho lasciato indietro anche il suo viso. 
E l'unica cosa che ricordo è come rideva. 

Rideva come un cucciolo, insomma, non c’era traccia di raziocinio nel suo ridere e questo era lo splendido, tanto da avere la forza di una memoria eterna.

Lei è stata la prima che mi ha fatto pensare alla vecchiaia. 
L'amore è anche questo, no?, quando la guardi e pensi che sarete vecchi insieme e, anche se sei appena un ragazzo, all’improvviso invecchiare diventa una previsione concreta e bella.

La mia donna è morta durante questi sogni, 
è morta che rideva.

Eravamo in un locale ormai chiuso, a pranzo con amici, qualcuno le ha detto una frase idiota e lei ha iniziato a ridere, con tutta la carne di pollo pronta a entrarle nello stomaco e che invece si è fermata in gola e così è rimasta, a s…

Esempio di Relazione medico legale. La Valutazione Multidimensionale dell'Anziano

Tolti i riferimenti nel rispetto della riservatezza (vi piace di più "privacy"?), riporto una mia Relazione scritta in risposta al parere negativo del Consulente Medico d'Ufficio, incaricato da un Giudice del Tribunale del Lavoro di rispondere sulla sussistenza dei requisiti per l'indennità di accompagnamento. Non cominciate a sbadigliare, non è troppo tecnica, forse persino utile per comprendere anche aspetti di interesse sulle autonomia della personza anziana (e non solo).




Dott. Giovanni Sicuranza
Medico Chirurgo
Specialista in Medicina Legale
cell.: 338-…..
e-mail: giovanni_sicuranza@....




Controdeduzioni medico-legali


a Relazione di Consulenza Tecnica d’Ufficio


del Professore Libro de’ Libris


Causa:
Itala NEGATA / INPS


RGL n. …



Premessa.


Nella Relazione Medico Legale di Consulenza Tecnica d’Ufficio, redatta il 15.08.2009 in merito alla causa in epigrafe, il professore Libro de’ Libris, incaricato come CTU dal Giudice del Tribunale Ordinario di …, Sezione Lavoro e Previdenza…

Esempi di statue dei Cimiteri Monumentali. Il laicismo, il verismo. L'erotismo.

Dai Cimiteri Monumentali di Bologna, Milano, Genova; Parigi, Londra, Lwow (Ucraina); Viriginia (USA).



Come spiegato negli articoli (a cui si rinvia), il cimitero moderno, che vive la sua fase di crescita e apoteosi tra l'inizio del XIX secolo e la metà del XX secolo, dal punto di vista dell'arte è caratterizzato da statue impregnate di laicismo, verismo, erotismo (vd. ad esempio il monumento dedicato a Victor Noir - Père-Lachaise, Parigi - , con la zona del pene in bronzo lucido, nell'evidente erezione che le donne non disdegnano di accarezzare, quale simbolo di fertilità).


E' la celebrazione della nuova borghesia, nell'individualismo e nella ricerca dei particolari, oltre il messaggio religioso.