Passa ai contenuti principali

I personaggi recupero


I personaggi recupero - Giovanni Sicuranza

"Si sono addormentate le gambe" è un modo di dire. 
Da idioti.
Bruciano, le gambe, violate da orde di scosse, e non serve tentare di sollevare prima un tallone e poi l'altro. I piedi ci sono ancora, li vedo, solo che hanno la consistenza del cemento. 
Sono parte delle mura del gabinetto in cui mi avete condannato a vita.
I miei glutei saranno simbiosi con il marmo del cesso, fino a quando uno solo di voi, autore o lettore, avrà memoria di me. 
E ricomincerò, ogni volta che qualcuno riscoprirà questo angolo, anche per caso. 
Tra voi, personaggi di romanzi, voi, protagonisti di racconti, ci sono stitici e ci sono iperattivi della defecazione. 
Ma tutti fate altro. Fate soprattutto altro. 
Io sono qui, sempre. 
Nemmeno Dante avrebbe pensato a una condanna così di merda! 
A proposito, tra i responsabili della mia cagata permanente, secondo dopo secondo, c'è anche lui. 
Arghh!
Ecco, questo era proprio duro. Una testa di moro che ha preteso spazio con pochi preliminari. Scommetto che è uscito così per colpa dei personaggi più vecchi. 
A volte il dolore è forte da farmi svenire. 
E il corpo ha sensibilità anarchiche, che non riconoscereste mai. 
Gambe roventi, spalle pesanti. Mani sudate. 
Le labbra, beh, le ho già quasi mangiate per non urlare. Purtroppo i denti funzionano. 
Dovreste esserci qui, voi, scrittori dell'assurdo, con i vostri personaggi patinati, mai descritti in una scena di defecazione. 
O mentre si scaccolano.
A questo deve rimediare Narina. Non la vedo, ma il suo rovistare nelle narici è così continuo e frenetico, che, quando la notte è silenzio, nella sua stanza sembrano correre centinaia di topini. 
Spesso geme, Narina. E la capisco. Defeca con il naso, lei. 
Avete mai provato a trattenere la pipì per oltre cento pagine?
Non vi siete mai scaccolati entro la ottantesima?
Nessuno stimolo alla ponzata prima di finire trecento pagine?  
E i vostri beniamini di carta sono credibili?
Sputacchiera, poi, è il più sfinito di tutti. Il più solitario. 
Nemmeno noi ci avviciniamo, a scrivere il vero. 
Con le dita che si muovono come pistoni di un turbo, con l’erezione gonfia, viola, indomabile. Con l’eruzione di sperma, a formare nuovi eventi orgasmici su tettoniche di vecchio sperma. Accanto ai suoi piedi, il Lago Salato; e il suo sedere diventato il promontorio del Mare Biancastro. Sperma, ovunque acre, denso, prima bianco, poi giallo-fetido. 
Sputacchiera lo fa per tutti i protagonisti che mai, nemmeno in tomi di oltre cinquecento pagine, si sono masturbati. 
Ci chiamiamo "personaggi del recupero", Narina, Sputacchiera, io.
E anche Fiotto, prima che annegasse nel mare del Piscio.  
Costretti a svolgere questi gesti, senza fine. Mancati dai protagonisti della carta narrata. Dai personaggi descritti con realismo, ma che non hanno secrezioni, escrezioni. Descrizioni dialoganti che non espellono. 
Insapori e inodori della narrativa.

Commenti

Post popolari in questo blog

Donna mia

Donna miaGiovanni Sicuranza

A volte, quando il sole si sbriciola nel buio, io dimentico il suo nome.

Lei era la mia prima donna, l’ho conosciuta non so quanti anni prima di questo imbrunire.

Ecco, ora che ci penso ho lasciato indietro anche il suo viso. 
E l'unica cosa che ricordo è come rideva. 

Rideva come un cucciolo, insomma, non c’era traccia di raziocinio nel suo ridere e questo era lo splendido, tanto da avere la forza di una memoria eterna.

Lei è stata la prima che mi ha fatto pensare alla vecchiaia. 
L'amore è anche questo, no?, quando la guardi e pensi che sarete vecchi insieme e, anche se sei appena un ragazzo, all’improvviso invecchiare diventa una previsione concreta e bella.

La mia donna è morta durante questi sogni, 
è morta che rideva.

Eravamo in un locale ormai chiuso, a pranzo con amici, qualcuno le ha detto una frase idiota e lei ha iniziato a ridere, con tutta la carne di pollo pronta a entrarle nello stomaco e che invece si è fermata in gola e così è rimasta, a s…

Esempio di Relazione medico legale. La Valutazione Multidimensionale dell'Anziano

Tolti i riferimenti nel rispetto della riservatezza (vi piace di più "privacy"?), riporto una mia Relazione scritta in risposta al parere negativo del Consulente Medico d'Ufficio, incaricato da un Giudice del Tribunale del Lavoro di rispondere sulla sussistenza dei requisiti per l'indennità di accompagnamento. Non cominciate a sbadigliare, non è troppo tecnica, forse persino utile per comprendere anche aspetti di interesse sulle autonomia della personza anziana (e non solo).




Dott. Giovanni Sicuranza
Medico Chirurgo
Specialista in Medicina Legale
cell.: 338-…..
e-mail: giovanni_sicuranza@....




Controdeduzioni medico-legali


a Relazione di Consulenza Tecnica d’Ufficio


del Professore Libro de’ Libris


Causa:
Itala NEGATA / INPS


RGL n. …



Premessa.


Nella Relazione Medico Legale di Consulenza Tecnica d’Ufficio, redatta il 15.08.2009 in merito alla causa in epigrafe, il professore Libro de’ Libris, incaricato come CTU dal Giudice del Tribunale Ordinario di …, Sezione Lavoro e Previdenza…

Esempi di statue dei Cimiteri Monumentali. Il laicismo, il verismo. L'erotismo.

Dai Cimiteri Monumentali di Bologna, Milano, Genova; Parigi, Londra, Lwow (Ucraina); Viriginia (USA).



Come spiegato negli articoli (a cui si rinvia), il cimitero moderno, che vive la sua fase di crescita e apoteosi tra l'inizio del XIX secolo e la metà del XX secolo, dal punto di vista dell'arte è caratterizzato da statue impregnate di laicismo, verismo, erotismo (vd. ad esempio il monumento dedicato a Victor Noir - Père-Lachaise, Parigi - , con la zona del pene in bronzo lucido, nell'evidente erezione che le donne non disdegnano di accarezzare, quale simbolo di fertilità).


E' la celebrazione della nuova borghesia, nell'individualismo e nella ricerca dei particolari, oltre il messaggio religioso.