Passa ai contenuti principali

Corsi e ricorsi di scrittura


"Leggere, freneticamente, scrivere e avidamente assorbire.
Eppure un libro, ogni libro, racchiude infine solo parole morte. Corollario: un best-seller è quel libro che puzza prima degli altri
[dal primo corso di "Schegge narrative" di Giovanni Sicuranza]


I corsi di scrittura. 
Eh, già, certo che servono. Come tanti elettroencefalogrammi piatti, tarati sul livello del "mediocremente commerciabile". Ora, se io fossi uno scrittore di talento, per nessuna cifra al mondo, nemmeno per un vitalizio Viagra-Cialis-escort, svelerei il mio "vero segreto", sempre che ne abbia uno. 

Le scuole di scrittura possono dare suggerimenti, ma non creano veri scrittori, se potenzialmente non lo si è già. Anzi, ritengo che il rischio di un appiattimento di un proprio stile sia presente lì dove si tenta di plasmarsi a scolari altrui.

Il mio personale consiglio rimane leggere e leggere e leggere. Non in modo passivo, non su testi "da spiaggia", con stile piatto, per quanto commercialmente da best seller. 
Cercate le sfaccettature della parole, assorbite frasi che vi sembrano innalzarsi sulla carta, pur senza esagerare. 
E poi lasciatele sedimentare fino a quando non si trasformano e diventano vostre. 
Non lasciatevi alla soluzione di un insegnamento che, invece, c'è già nella capacità di osservare. Affinate questa. Oltre la lettura, è la vita che narra. Se volete scrivere storie di strada, percorrete chilometri con passo lento, dentro i suoni, le frasi, i paesaggi; entrate nei bar, nelle taverne, ascoltate le tradizioni dei vecchi e i commenti sarcastici dei giovani. Se volete scrivere storie di sesso, allora dovete conoscere il sesso con serenità, senza ovattarlo di tabù e scandalismi, allontanandovi dalla tendenza attuale, per cui tutti ne scrivono nella misura in cui pochi lo fanno e, reciprocamente, lo sanno cercare. Se volete scrivere storie di morte, conoscete prima la morte; non importa che abbiate subito qualche grave lutto, non importa se siete morti e tornati; conoscere la morte significa saperla trattare con la stessa quotidiana leggerezza e curiosità con cui camminate lungo la strada, con cui sapete prendere e dare sesso.  

Ops, temo di avere appena terminato un micro-corso di scrittura, in cui, alla fine, ho insegnato nulla.

Commenti

Post popolari in questo blog

Donna mia

Donna miaGiovanni Sicuranza

A volte, quando il sole si sbriciola nel buio, io dimentico il suo nome.

Lei era la mia prima donna, l’ho conosciuta non so quanti anni prima di questo imbrunire.

Ecco, ora che ci penso ho lasciato indietro anche il suo viso. 
E l'unica cosa che ricordo è come rideva. 

Rideva come un cucciolo, insomma, non c’era traccia di raziocinio nel suo ridere e questo era lo splendido, tanto da avere la forza di una memoria eterna.

Lei è stata la prima che mi ha fatto pensare alla vecchiaia. 
L'amore è anche questo, no?, quando la guardi e pensi che sarete vecchi insieme e, anche se sei appena un ragazzo, all’improvviso invecchiare diventa una previsione concreta e bella.

La mia donna è morta durante questi sogni, 
è morta che rideva.

Eravamo in un locale ormai chiuso, a pranzo con amici, qualcuno le ha detto una frase idiota e lei ha iniziato a ridere, con tutta la carne di pollo pronta a entrarle nello stomaco e che invece si è fermata in gola e così è rimasta, a s…

Esempio di Relazione medico legale. La Valutazione Multidimensionale dell'Anziano

Tolti i riferimenti nel rispetto della riservatezza (vi piace di più "privacy"?), riporto una mia Relazione scritta in risposta al parere negativo del Consulente Medico d'Ufficio, incaricato da un Giudice del Tribunale del Lavoro di rispondere sulla sussistenza dei requisiti per l'indennità di accompagnamento. Non cominciate a sbadigliare, non è troppo tecnica, forse persino utile per comprendere anche aspetti di interesse sulle autonomia della personza anziana (e non solo).




Dott. Giovanni Sicuranza
Medico Chirurgo
Specialista in Medicina Legale
cell.: 338-…..
e-mail: giovanni_sicuranza@....




Controdeduzioni medico-legali


a Relazione di Consulenza Tecnica d’Ufficio


del Professore Libro de’ Libris


Causa:
Itala NEGATA / INPS


RGL n. …



Premessa.


Nella Relazione Medico Legale di Consulenza Tecnica d’Ufficio, redatta il 15.08.2009 in merito alla causa in epigrafe, il professore Libro de’ Libris, incaricato come CTU dal Giudice del Tribunale Ordinario di …, Sezione Lavoro e Previdenza…

Esempi di statue dei Cimiteri Monumentali. Il laicismo, il verismo. L'erotismo.

Dai Cimiteri Monumentali di Bologna, Milano, Genova; Parigi, Londra, Lwow (Ucraina); Viriginia (USA).



Come spiegato negli articoli (a cui si rinvia), il cimitero moderno, che vive la sua fase di crescita e apoteosi tra l'inizio del XIX secolo e la metà del XX secolo, dal punto di vista dell'arte è caratterizzato da statue impregnate di laicismo, verismo, erotismo (vd. ad esempio il monumento dedicato a Victor Noir - Père-Lachaise, Parigi - , con la zona del pene in bronzo lucido, nell'evidente erezione che le donne non disdegnano di accarezzare, quale simbolo di fertilità).


E' la celebrazione della nuova borghesia, nell'individualismo e nella ricerca dei particolari, oltre il messaggio religioso.