Passa ai contenuti principali

Io sono



Io sono - Giovanni Sicuranza

Come fate a dire che il mio pensiero è negativo, quando non c'è comparazione con un positivo. Io non concepisco la positività dell'esistenza, almeno non come voi la intendete. Non mi sento un essere sociale, mai, tantomeno individuale. La mia ultima compagna mi ha lasciato con la frase delle altre, "tu, figurati, tu nemmeno sai cos'è una vita sociale", ecco cosa mi ha lanciato addosso, prima di annichilirsi dalla porta. Parole che mi danno spesso da pensare, anche ora, lungo il pendolo delle mie gambe funebri sul tappeto nero. 
Perché c'è una vita sociale e non una morte sociale? 
Non mi interessano le catastrofi naturali, si abbattono sulla società, vero, ma sono indifferenti alla volontà corale di chi uccidono. Nemmeno gli attentati possono definirsi morte sociale, bensì espressione di pochi su molti. 
No, mi fermo, le mani sulla finestra aperta nel buio, le dita che annaspano in caduta sulle schegge del vetro, intendo la volontà di tutti di darsi la morte, come espressione finale della coscienza; così concepisco l'antidoto a questo carnevale di maschere ipocrite, che voi chiamate vita sociale. 
Il punto, credo, è che non possiamo morire se non cogliamo il senso della vita. Ci dedichiamo al frivolo del quotidiano per non sentirci troppo vivi, io sorrido a te, tu sorridi a me e 'fanculo gli altri. Siamo frenesia e siamo convenzione per non ricordare la vita, quella vera, lo facciamo per dimenticare che la vita profonda presuppone la morte, che ne è l'intenso e  unico preludio; ecco, questo avrei risposto alla mia donna, e a quelle prima di lei, se avessi conosciuto le parole per dirlo, per dirlo davvero, intendo, e intanto una mia gamba sarebbe stata già oltre il davanzale e l'altra avrebbe oscillato, lenta, a pochi millimetri dal tappeto. Questa sarebbe stata la mia vita e la mia morte sociale e lei non avrebbe avuto modo di replicare e lei sarebbe rimasta a guardare, senza possibilità di lasciarmi, di uccidermi tra le sue esperienze fallite.

Commenti

Post popolari in questo blog

Donna mia

Donna miaGiovanni Sicuranza

A volte, quando il sole si sbriciola nel buio, io dimentico il suo nome.

Lei era la mia prima donna, l’ho conosciuta non so quanti anni prima di questo imbrunire.

Ecco, ora che ci penso ho lasciato indietro anche il suo viso. 
E l'unica cosa che ricordo è come rideva. 

Rideva come un cucciolo, insomma, non c’era traccia di raziocinio nel suo ridere e questo era lo splendido, tanto da avere la forza di una memoria eterna.

Lei è stata la prima che mi ha fatto pensare alla vecchiaia. 
L'amore è anche questo, no?, quando la guardi e pensi che sarete vecchi insieme e, anche se sei appena un ragazzo, all’improvviso invecchiare diventa una previsione concreta e bella.

La mia donna è morta durante questi sogni, 
è morta che rideva.

Eravamo in un locale ormai chiuso, a pranzo con amici, qualcuno le ha detto una frase idiota e lei ha iniziato a ridere, con tutta la carne di pollo pronta a entrarle nello stomaco e che invece si è fermata in gola e così è rimasta, a s…

Esempio di Relazione medico legale. La Valutazione Multidimensionale dell'Anziano

Tolti i riferimenti nel rispetto della riservatezza (vi piace di più "privacy"?), riporto una mia Relazione scritta in risposta al parere negativo del Consulente Medico d'Ufficio, incaricato da un Giudice del Tribunale del Lavoro di rispondere sulla sussistenza dei requisiti per l'indennità di accompagnamento. Non cominciate a sbadigliare, non è troppo tecnica, forse persino utile per comprendere anche aspetti di interesse sulle autonomia della personza anziana (e non solo).




Dott. Giovanni Sicuranza
Medico Chirurgo
Specialista in Medicina Legale
cell.: 338-…..
e-mail: giovanni_sicuranza@....




Controdeduzioni medico-legali


a Relazione di Consulenza Tecnica d’Ufficio


del Professore Libro de’ Libris


Causa:
Itala NEGATA / INPS


RGL n. …



Premessa.


Nella Relazione Medico Legale di Consulenza Tecnica d’Ufficio, redatta il 15.08.2009 in merito alla causa in epigrafe, il professore Libro de’ Libris, incaricato come CTU dal Giudice del Tribunale Ordinario di …, Sezione Lavoro e Previdenza…

Esempi di statue dei Cimiteri Monumentali. Il laicismo, il verismo. L'erotismo.

Dai Cimiteri Monumentali di Bologna, Milano, Genova; Parigi, Londra, Lwow (Ucraina); Viriginia (USA).



Come spiegato negli articoli (a cui si rinvia), il cimitero moderno, che vive la sua fase di crescita e apoteosi tra l'inizio del XIX secolo e la metà del XX secolo, dal punto di vista dell'arte è caratterizzato da statue impregnate di laicismo, verismo, erotismo (vd. ad esempio il monumento dedicato a Victor Noir - Père-Lachaise, Parigi - , con la zona del pene in bronzo lucido, nell'evidente erezione che le donne non disdegnano di accarezzare, quale simbolo di fertilità).


E' la celebrazione della nuova borghesia, nell'individualismo e nella ricerca dei particolari, oltre il messaggio religioso.