Tic tac

Tic e tac 
Giovanni Sicuranza


A che ora muore. 
Occhio alle lancette, un minuto fa non erano dove si trovano adesso e tra un altro minuto saranno oltre. 
Ci siamo quasi, pensi. 
L'orologio della parete è nero e fa tic. 
Un altro minuto è andato. 
Cosa guardi, Clio?

Il tuo tempo passare, amore, dici. Non sorridi.  
Dovresti ascoltare i battiti del mio cuore, Clio.
Uhm, tipo appoggiare il viso sul tuo petto e respirare con te?
Eccole, un altro tic, sono le lame del tempo, nere, lunghe, minuti e ore che nessuno può fermare. 
Non distrarti, pensi, non sorridergli, mai, che se ne vada solo come ha vissuto. 
Ti prego, Clio, mi sto spegnendo. 
A che ora, chiedi. 
Non lo so, geme nel viso sudato. 
E' magro, pelle secca sul cranio, è lungo, mandibola decadente d'agonia. 
Sembra una lancetta, e quasi riesci a ridere, la prima volta da quando sei con lui, non fosse per l'attimo dopo, breve, più veloce dell'orologio. 
Nera la parete, nero il respiro. 
Tac, è il suono profondo di qualcosa che si rompe nella tua testa. 
Scorgi appena l'espressione stupita di lui, del tuo cadavere mancato.
E poi il nero è nero.

Commenti

Post più popolari