Passa ai contenuti principali

E' vero?


Le caratterizzazioni precise dei personaggi?
No, le escludo, sono inadatte agli schemi liberi delle mie storie surreali. 
Preferisco descrive un soggetto con pochi elementi, anche indiretti. Se ripete spesso "è vero?", a cosa serve dedicare pagine e pagine alla sua insicurezza? Se non è funzionale alla trama, perché devo entrare nella sua vita e spiegare come è diventato tale? Voi mica sapete perché siete nevrotici. Intendo, spesso non lo sapete, vero? Un "è vero?" ridondante, una frase spezzata, sono segnali più concreti, è vero?
Mi piace anche scoprire cosa riesce a fare un personaggio in un racconto, al massimo in un romanzo breve, mi piace renderlo e perderlo nello spazio di pochi elementi. 
Non è mia la ricerca, a tratti spasmodica, di alcuni scrittori e lettori per i romanzi lunghi. Per i primi, sembra una sorta di consacrazione nel Pantheon della Letteratura, obbligo acclamato dal lettore. Non mi interessano i romanzi lunghi, per quanto ben scritti, con stile maturo e prezioso (come "Sorgo rosso", appena terminato). 
Si tratta di una nevrosi personale; è che trovarmi a lungo in compagnia degli stessi personaggi, beh, mi annoia.


N.B.: dai prossimi giorni parte "Lungo il Vento Tour", dedicato al mio nuovo romanzo, un polpettone di 290 pagine, in uscita tra due mesi (circa). Lo so, non vedete l'ora, è vero? E' ve.

Commenti

Post popolari in questo blog

Donna mia

Donna miaGiovanni Sicuranza

A volte, quando il sole si sbriciola nel buio, io dimentico il suo nome.

Lei era la mia prima donna, l’ho conosciuta non so quanti anni prima di questo imbrunire.

Ecco, ora che ci penso ho lasciato indietro anche il suo viso. 
E l'unica cosa che ricordo è come rideva. 

Rideva come un cucciolo, insomma, non c’era traccia di raziocinio nel suo ridere e questo era lo splendido, tanto da avere la forza di una memoria eterna.

Lei è stata la prima che mi ha fatto pensare alla vecchiaia. 
L'amore è anche questo, no?, quando la guardi e pensi che sarete vecchi insieme e, anche se sei appena un ragazzo, all’improvviso invecchiare diventa una previsione concreta e bella.

La mia donna è morta durante questi sogni, 
è morta che rideva.

Eravamo in un locale ormai chiuso, a pranzo con amici, qualcuno le ha detto una frase idiota e lei ha iniziato a ridere, con tutta la carne di pollo pronta a entrarle nello stomaco e che invece si è fermata in gola e così è rimasta, a s…

Esempio di Relazione medico legale. La Valutazione Multidimensionale dell'Anziano

Tolti i riferimenti nel rispetto della riservatezza (vi piace di più "privacy"?), riporto una mia Relazione scritta in risposta al parere negativo del Consulente Medico d'Ufficio, incaricato da un Giudice del Tribunale del Lavoro di rispondere sulla sussistenza dei requisiti per l'indennità di accompagnamento. Non cominciate a sbadigliare, non è troppo tecnica, forse persino utile per comprendere anche aspetti di interesse sulle autonomia della personza anziana (e non solo).




Dott. Giovanni Sicuranza
Medico Chirurgo
Specialista in Medicina Legale
cell.: 338-…..
e-mail: giovanni_sicuranza@....




Controdeduzioni medico-legali


a Relazione di Consulenza Tecnica d’Ufficio


del Professore Libro de’ Libris


Causa:
Itala NEGATA / INPS


RGL n. …



Premessa.


Nella Relazione Medico Legale di Consulenza Tecnica d’Ufficio, redatta il 15.08.2009 in merito alla causa in epigrafe, il professore Libro de’ Libris, incaricato come CTU dal Giudice del Tribunale Ordinario di …, Sezione Lavoro e Previdenza…

Esempi di statue dei Cimiteri Monumentali. Il laicismo, il verismo. L'erotismo.

Dai Cimiteri Monumentali di Bologna, Milano, Genova; Parigi, Londra, Lwow (Ucraina); Viriginia (USA).



Come spiegato negli articoli (a cui si rinvia), il cimitero moderno, che vive la sua fase di crescita e apoteosi tra l'inizio del XIX secolo e la metà del XX secolo, dal punto di vista dell'arte è caratterizzato da statue impregnate di laicismo, verismo, erotismo (vd. ad esempio il monumento dedicato a Victor Noir - Père-Lachaise, Parigi - , con la zona del pene in bronzo lucido, nell'evidente erezione che le donne non disdegnano di accarezzare, quale simbolo di fertilità).


E' la celebrazione della nuova borghesia, nell'individualismo e nella ricerca dei particolari, oltre il messaggio religioso.