Passa ai contenuti principali

danza

Il volto fasciato da lente espressioni

ci raduniamo assenti verso il lavoro

La mattina morde guance occhi e desideri

chissà come riesce ad essere così

per tutti vorace



Noi siamo ancora allucinazioni rallentate

calate pesanti in abiti invernali e seriosità

sempreverdi

immobili negli sguardi che tanto già sanno

e privi di rughe intorno a labbra serrate



La pensilina forse ci copre forse no

a nessuno interessa chi lento si adagia

sotto il suo palmo di metallo ricurvo

Aspettiamo l’autobus nel giovane freddo dipinto

di grigio solitario

e nulla più



Poi lei compare senza avviso o invito

diversa e un po’ distante da noi



Danza



Il rimo è trascinante segreto celato da cuffie

La gonna è lunga di colorate onde e soffia sui

movimenti liberi delle anche

La ragazza è sola

E danza



"Incurante della decenza" esclamano occhi seccati di

anziana pellicciosa al mio fianco

"Da vergognarsi" rimproverano occhi pomposi di

professionista cravattato dopo di lei

"Sarà matta" diagnosticano occhi sapienti di ragazza

lampadata che segue nella fila d’attesa

"Sbuff" digerisce l’autobus che ci aspetta nel

suo io apparente



Dall’interno sguardi pieni di maturità si voltano

all’unisono nella scoperta dell’esemplare bizzarro

che sul marciapiede balla il tempo di una musica silenziosa

Tutti i nostri movimenti sono ordinati e convenienti mentre si sale

sull’autobus e le facce di attesa sbiadita

diventano facce di pubblico trasporto



Siamo statue di carne e freddo plasmate da convenzioni e tabù

Goffi in distratte movenze da discoteca

suoni ascoltati cantati e fischiati

in angoli di amicizie amori e solitudini

Ma non in strada non si conviene non si deve

non ora non qui



E la ragazza danza

Sola e bella nel frusciare di gonna e musica



Le portiere si chiudono sul mio viso con quel

rumore serio di vita sociale

frenetica ed anonima

L’autobus parte sdegnato



Ed io rimango sul marciapiede

-Posso ballare con te?- chiedo alzando la voce tra gente silenziosa

-Perché?- sussurra lei con fianchi e parole ondulati

-Perché mi piaci- rispondo nel sapore del suo ritmo

-Tu no-

-Non ancora- aggiunge e mi circonda di braccia capelli e occhi e sorrisi



Allora danziamo e

la gente si scosta

imbarazzata e un po’ intimorita

"Sarà mica

contagiosa follia?"

Commenti

Post popolari in questo blog

Donna mia

Donna miaGiovanni Sicuranza

A volte, quando il sole si sbriciola nel buio, io dimentico il suo nome.

Lei era la mia prima donna, l’ho conosciuta non so quanti anni prima di questo imbrunire.

Ecco, ora che ci penso ho lasciato indietro anche il suo viso. 
E l'unica cosa che ricordo è come rideva. 

Rideva come un cucciolo, insomma, non c’era traccia di raziocinio nel suo ridere e questo era lo splendido, tanto da avere la forza di una memoria eterna.

Lei è stata la prima che mi ha fatto pensare alla vecchiaia. 
L'amore è anche questo, no?, quando la guardi e pensi che sarete vecchi insieme e, anche se sei appena un ragazzo, all’improvviso invecchiare diventa una previsione concreta e bella.

La mia donna è morta durante questi sogni, 
è morta che rideva.

Eravamo in un locale ormai chiuso, a pranzo con amici, qualcuno le ha detto una frase idiota e lei ha iniziato a ridere, con tutta la carne di pollo pronta a entrarle nello stomaco e che invece si è fermata in gola e così è rimasta, a s…

Esempio di Relazione medico legale. La Valutazione Multidimensionale dell'Anziano

Tolti i riferimenti nel rispetto della riservatezza (vi piace di più "privacy"?), riporto una mia Relazione scritta in risposta al parere negativo del Consulente Medico d'Ufficio, incaricato da un Giudice del Tribunale del Lavoro di rispondere sulla sussistenza dei requisiti per l'indennità di accompagnamento. Non cominciate a sbadigliare, non è troppo tecnica, forse persino utile per comprendere anche aspetti di interesse sulle autonomia della personza anziana (e non solo).




Dott. Giovanni Sicuranza
Medico Chirurgo
Specialista in Medicina Legale
cell.: 338-…..
e-mail: giovanni_sicuranza@....




Controdeduzioni medico-legali


a Relazione di Consulenza Tecnica d’Ufficio


del Professore Libro de’ Libris


Causa:
Itala NEGATA / INPS


RGL n. …



Premessa.


Nella Relazione Medico Legale di Consulenza Tecnica d’Ufficio, redatta il 15.08.2009 in merito alla causa in epigrafe, il professore Libro de’ Libris, incaricato come CTU dal Giudice del Tribunale Ordinario di …, Sezione Lavoro e Previdenza…

Esempi di statue dei Cimiteri Monumentali. Il laicismo, il verismo. L'erotismo.

Dai Cimiteri Monumentali di Bologna, Milano, Genova; Parigi, Londra, Lwow (Ucraina); Viriginia (USA).



Come spiegato negli articoli (a cui si rinvia), il cimitero moderno, che vive la sua fase di crescita e apoteosi tra l'inizio del XIX secolo e la metà del XX secolo, dal punto di vista dell'arte è caratterizzato da statue impregnate di laicismo, verismo, erotismo (vd. ad esempio il monumento dedicato a Victor Noir - Père-Lachaise, Parigi - , con la zona del pene in bronzo lucido, nell'evidente erezione che le donne non disdegnano di accarezzare, quale simbolo di fertilità).


E' la celebrazione della nuova borghesia, nell'individualismo e nella ricerca dei particolari, oltre il messaggio religioso.